Arriva in Gazzetta Ufficiale la Direttiva (UE) sul whistleblowing

COVID-19: comunicazione dell’UIF sulla prevenzione di fenomeni di criminalità finanziaria

Il 16 aprile 2020, l’Unità di Informazione Finanziaria per l’Italia (“UIF”) ha pubblicato una comunicazione in tema di prevenzione di fenomeni di criminalità finanziaria connessi con l’emergenza da COVID-19 (nel seguito, la “Comunicazione”).

Nella Comunicazione si osserva come l’attuale situazione di emergenza sanitaria esponga il sistema economico-finanziario a rilevanti rischi di comportamenti illeciti.

In relazioni a tali rischi, l’UIF sottolinea la necessità di operare in maniera coesa affinché gli interventi pubblici raggiungano gli obiettivi prefissati, sostenendo effettivamente persone e imprese in difficoltà, prevenendo possibili effetti distorsivi e preservando l’integrità dell’economia legale. A tal riguardo l’apparato di prevenzione del riciclaggio può rappresentare uno strumento efficace in quanto, coinvolgendo l’intera struttura economica del Paese, è in grado di intervenire tempestivamente sulle operazioni in corso e non solo ad ausilio della fase di repressione dei reati.

Pertanto, l’UIF richiede agli intermediari, ai professionisti, agli altri operatori qualificati e alle Pubbliche amministrazioni, che sono parte attiva del sistema di prevenzione, un impegno particolare per calibrare i propri presidi antiriciclaggio nella maniera più efficace. Infatti, occorre che i soggetti obbligati supportino adeguatamente il dispiegarsi dell’intervento di sostegno, ma anche intercettino e comunichino tempestivamente all’UIF, ai sensi degli artt. 10 e 35 del D.Lgs. 231/2007, tutte le situazioni sospette.

In particolare, al fine di agevolare la collaborazione attiva, la Comunicazione individua i seguenti aspetti cui i soggetti obbligati sono chiamati a prestare attenzione:

  • il pericolo di possibili truffe e fenomeni corruttivi nei settori delle forniture e dei servizi più direttamente collegati all’emergenza sanitaria, nonché nell’ambito delle raccolte di fondi, anche mediante piattaforme on line di crowdfunding;
  • a fronte dell’indebolimento economico di famiglie e imprese, il rischio di infiltrazione criminale da parte di organizzazioni che possono trovare nuove occasioni per svolgere attività usurarie e per rilevare o infiltrare imprese in crisi con finalità di riciclaggio;
  • il monitoraggio delle attività a distanza e, in particolare, dell’utilizzo degli strumenti di pagamento elettronici, in relazione ai quali sussiste una maggiore esposizione al rischio di reati informatici.

In relazione ai rischi individuati nella Comunicazione, l’UIF evidenzia a titolo esemplificativi alcuni elementi informativi che i destinatari devono acquisire. Tuttavia, tutti i destinatari degli obblighi di collaborazione attiva devono valutare con la massima attenzione anche ulteriori comportamenti e caratteristiche delle operatività sintomatiche di rischi connessi con l’emergenza legata al COVID-19.

L’UIF sottolinea, infatti, l’importanza di svolgere un’analisi in concreto e una valutazione complessiva dell’operatività rilevata, attraverso l’utilizzo di tutte le informazioni disponibili. In presenza di attività che interessino più soggetti obbligati, è importante assicurare la condivisione delle informazioni, secondo quanto previsto dell’art. 39 del D.Lgs. 231/2007.

Inoltre, eventuali operazioni sospette devono essere portate all’attenzione dell’UIF con la massima tempestività, al fine di consentire l’attivazione della collaborazione interna e internazionale e anche dell’eventuale esercizio del potere di sospensione previsto dall’art. 6, comma 4, lett. c), del D.Lgs. 231/2007.

Infine, per agevolare una pronta individuazione dei contesti attinenti alle casistiche oggetto della presente comunicazione è opportuno che nei campi descrittivi della segnalazione/comunicazione sia espressamente richiamata la connessione con l’emergenza COVID-19.

Per approfondire le casistiche di rischi individuate dalla UIF e i relativi elementi informativi da raccogliere, si rinvia al Comunicato di cui al seguente link.

Isabella Frisoni – i.frisoni@lascalaw.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Il Manuale Utente delle comunicazioni oggettive

Con comunicato del 10 aprile 2020 (di seguito, il “Comunicato”) la Banca d’Italia ha formulato...

Antiriciclaggio

Il Manuale Utente delle comunicazioni oggettive

Il Gruppo di Azione Finanziaria Internazionale (“GAFI”), al termine delle riunioni tenutesi a Pa...

Antiriciclaggio

European Banking Authority: servizi finanziari a distanza e tutela del consumatore

Sono stati pubblicati i Quaderni dell’antiriciclaggio (nel seguito i “Quaderni”) dell’Unità...

Antiriciclaggio

X