Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Sia-Nexi, via al colosso dei pagamenti digitali

Strada spianata per la fusione Sia-Nexi, che ora avverrà «nei più brevi tempi possibili», scrive in una nota Nexi. L’accelerazione è stata resa possibile dall’arrivo dell’ok – ancorché condizionato – dell’Antitrust all’operazione che porterà alla nascita di un campione europeo nel settore delle carte di credito e dei sistemi di pagamento digitali, con una capitalizzazione di oltre 15 miliardi di euro.Il responso dell’Antitrust è arrivato sul filo di lana, ieri sera a mercati chiusi, rispetto all’ultimo giorno utile (oggi). L’autorità per la tutela della concorrenza ha sostanzialmente riconosciuto che le dimensioni europee dei sistemi di pagamento non mettono a repentaglio la pluralità dell’offerta, anche se a livello nazionale la concentrazione di Sia e Nexi dà origine a un vero e proprio colosso. Tanto che su due aspetti ha deciso di imporre rimedi: il processing delle carte del circuito Bancomat e i servizi di clearing dei prodotti non-Sepa (in primis gli assegni). Si tratta, in entrambi i casi, di attività che stanno alla base dei processi di pagamento, di cui il cliente finale non ha consapevolezza. Le condizioni poste sono che Nexi rinunci all’esclusiva nei contratti con equensWorldline, il partner tecnico che finora poteva svolgere in Italia l’attività di processing solo per Nexi.Peraltro la misura ha effetti temporanei, perché la piattaforma su cui si muoverà Bancomat sta per cambiare, diventando una sola e aperta a tutti (la gara è stata vinta da un consorzio di cui fa parte anche Sia). Nel frattempo, oltre a dover rinunciare all’esclusiva del contratto con equensWordline, Nexi e Sia dovranno mettere a punto «un’offerta non discriminatoria, chiara e trasparente per le attività di acquiring processing e di issuing processing delle carte domestiche». Da quanto si legge nel dispositivo dell’Antitrust era stata proprio Worldline a sottolineare alcuni aspetti potenzialmente critici per la concorrenza, su questi due segmenti di operatività, post matrimonio Sia Nexi.Dal canto suo Nexi «prende atto positivamente del via libera all’operazione di fusione per incorporazione di Sia in Nexi» e si impegna a realizzare « nei tempi stabiliti» i rimedi chiesti dall’Autorità nei «residuali mercati del processing domestico e del clearing non-Sepa».

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Gran rimbalzo per Mps a Piazza Affari, con il titolo che risale del +16,73%, dai minimi: anche se g...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Prove di dialogo tra Vivendi e Cdp, azionisti di Tim con il 23,75 e il 9,81%. Qualche anno fa, un...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Nasce Allianz Viva. Completata l’acquisizione due mesi fa esatti, il gruppo tedesco ha avviato ie...

Oggi sulla stampa