Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Più tutele ai passeggeri per i viaggi in aereo

Il primo volo in ritardo, l’altro in connessione cancellato. Le vacanze ritardate accompagnate dal rifiuto della compagnia aerea di risarcire i passeggeri. Uno scenario comune al quale la Corte Ue pone un freno. Con la sentenza la causa C-321/11, la Corte di Lussemburgo ha chiarito la portata dei diritti dei passeggeri ai quali è negato l’imbarco per ragioni operative, imputabili a un comportamento del vettore.
Una coppia aveva acquistato due biglietti per un volo da La Coruna a Santo Domingo via Madrid dalla compagnia aerea Iberia. Ottenute le carte d’imbarco e la registrazione dei bagagli i due turisti già pensavano alle spiagge domenicane. Il solito ritardo ha infranto i sogni di un viaggio senza intoppi. I passeggeri, arrivati a Madrid, si erano presentati al gate proprio nel momento in cui era effettuata l’ultima chiamata. Ma la compagnia aerea aveva già provveduto ad annullare la carta d’imbarco per la tratta Madrid-Santo Domingo. In pratica, pensando che i passeggeri non avrebbero fatto in tempo ad arrivare per l’orario fissato per la partenza i posti erano stati assegnati ad altri. Con il risultato che i due turisti erano arrivati a destinazione con grave ritardo.
L’Iberia si è opposta alla domanda di risarcimento per negato imbarco previsto dal regolamento n. 261/2004, sostenendo che si era trattato di un caso di coincidenza persa. I giudici spagnoli hanno passato la questione alla Corte Ue che ha respinto una lettura troppo formalistica della nozione di negato imbarco e ha ampliato la tutela dei passeggeri.
Prima di tutto, gli eurogiudici hanno analizzato la nozione. È tale – chiarisce il regolamento – il rifiuto di trasportare un passeggero che si presenta all’imbarco nel rispetto delle condizioni fissate dall’articolo 3. Così avevano fatto i ricorrenti che non si erano potuti imbarcare solo per l’annullamento della carta d’imbarco deciso dalla compagnia aerea che, in modo frettoloso, aveva assegnato i posti ad altri. Escludere dalla tutela del regolamento i passeggeri che si trovano in una situazione di questo tipo significa compromettere l’obiettivo del regolamento che è quello di garantire un elevato livello di protezione dei passeggeri. Una conclusione analoga nella sentenza C-22/11: in questo caso i passeggeri erano stati vittime di una cattiva riorganizzazione dei voli da parte della Finnair a seguito di uno sciopero, con voli ritardati nelle 48 ore successive e conseguenze sui passeggeri che dovevano partire nella giornata successiva all’astensione dei lavoratori. Netta la posizione della Corte: la presenza di circostanze eccezionali come uno sciopero non giustifica il negato imbarco nei giorni seguenti e impone la compensazione pecuniaria ai passeggeri che non riescono a partire. Anche perché la situazione era assimilabile a quella di overbooking. In entrambi i casi, poi la Corte esclude che le ragioni operative del ritardo possano costituire ragionevoli motivi per esentare da responsabilità la compagnia aerea. Spazio, quindi, al risarcimento.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il virus ci ha cambiati profondamente. Ma non è chiaro come. Quali effetti lascerà su di noi, sull...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

II lavoratori messi in ginocchio dalla crisi tornano in piazza. Ministro Orlando, qual è il piano d...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora caos sulla tassazione dei compensi derivanti dai contratti decentrati. Il balletto tra tassaz...

Oggi sulla stampa