Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

La mossa dell’Fmi: un piano anti contagio

di Luigi Offeddu

BRUXELLES — Parla Barak Obama, ed esce allo scoperto il Fondo monetario internazionale, e i leader dell'Unione Europea scrivono a quelli del G20 per avere il loro aiuto: mentre la crisi del debito si fa sempre più pesante, alla vigilia della riapertura dei mercati, i contendenti in gioco tentano di organizzare il contrattacco. L'Fmi ha annunciato di aver dato il via a una «revisione» degli «strumenti finanziari a sua disposizione» per aiutare i Paesi più colpiti: in sostanza, si prepara ad agire, forse dopo l'aumento delle sue risorse che potrebbe essere deciso al vertice del G20, il 3 e 4 novembre a Cannes. Ma quella revisione è iniziata un anno fa, lascia capire ancora Washington, e non è la «rete di salvataggio» pensata esclusivamente per l'Italia e la Spagna di cui si è parlato negli ultimi giorni: perché «il rafforzamento degli strumenti punta a gestire i bisogni dei Paesi membri», ma gli stessi strumenti «non sono mirati a particolari Stati». L'obiettivo è invece quello di «rafforzare la capacità del Fondo di mitigare il contagio fornendo liquidità ai Paesi che hanno politiche e fondamentali forti e che sono colpiti da stress sui mercati finanziari». In questo campo, aggiunge il Fondo, «fare progressi è un aspetto importante dell'agenda del G20».
Lo sguardo di tutti è rivolto all'incontro dei leader delle principali economie del pianeta, giovedì e venerdì prossimi. Dove, dice Obama incontrando a Washington la comunità italoamericana, gli Usa andranno «per lavorare con l'Italia per prendere una serie di decisioni molto importanti per l'economia globale. Abbiamo del lavoro da fare».
E al G20, cioè a Paesi emergenti come la Cina, la Russia o l'India, si rivolgono anche i leader della Ue per chiedere che tutti mostrino «spirito di responsabilità»: «Noi in Europa faremo la nostra parte — scrivono infatti in una lettera Herman van Rompuy, presidente stabile della Ue, e José Manuel Barroso, capo della Commissione europea — ma questa da sola non può assicurare la ripresa globale e una crescita riequilibrata», perciò adesso «tutti i Paesi devono agire». La parola «aiuto» non compare esplicitamente nel messaggio indirizzato ai protagonisti di Cannes, ma è dovunque fra le righe. Al vertice Ue del 26 ottobre, scrivono ancora Barroso e van Rompuy, sono state annunciate precise misure: «Le applicheremo in fretta e con rigore, fiduciosi che ciò contribuirà a una rapida soluzione della crisi». Ma c'è anche «una continua necessità di azione comune da parte di tutti i partner del G20, in spirito di comune responsabilità e con un identico obiettivo».
Non è un appello generico. Dietro, ci sono negoziati già in corso. La Cina è chiamata a investire i suoi — promessi, per ora — 50-100 miliardi di dollari in qualche articolazione del Fondo europei salva Stati, e così l'India e tutti gli altri. Cambiati scenari, situazioni e personaggi, un pezzetto di storia sembra in qualche modo ripetersi. Era il 5 giugno 1947, e dai gradini della Memorial Church di Harvard negli Usa parlava il generale George Marshall, segretario di Stato americano: «Non ho bisogno di dirvi, signori, che la situazione del mondo è molto seria. Ciò deve essere chiaro a ogni persona intelligente»: due mesi dopo, l'Europa devastata dalla guerra mondiale gli chiedeva 22 miliardi di dollari di allora (ridotti poi a 17 dalla Casa Bianca), e nasceva appunto il piano Marshall.
Esclusi ovviamente un «piano Hu Jintao» o Putin, comune ad allora resta l'incertezza generale della situazione. E l'allarme trova la conferma di Jean-Claude Trichet, presidente uscente della Banca centrale europea: «La crisi non è finita. Vedremo la debolezza delle economie americana e giapponese, ma anche le debolezze dell'Europa».
Fra le altre richieste che i leader Ue porteranno al G20, anche quelle di «rafforzare e riequilibrare la crescita globale nel medio termine», e di assicurare un potenziamento dell'Fmi con «sufficienti risorse»: ma forse, come suggerisce il comunicato di ieri, quest'ultima richiesta sta già per essere esaudita.
 

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Torna l’incubo della crescita sotto zero, con l’Europa che teme di impiantarsi nuovamente nel qu...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il chief executive officer uscente di Ubs, il ticinese Sergio Ermotti, saluta la banca con cifre del...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le quotazioni di Borsa di Mediobanca a ottobre si sono attestate a 6,88 euro di media con scambi gio...

Oggi sulla stampa