Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Il Fmi: bene le riforme, resta il rischio contagio

ROMA — Il Fondo monetario internazionale (Fmi) promuove con riserva l’Italia. Anche se il governo ha messo in atto «un’ambiziosa agenda per assicurare la stabilità e promuovere la crescita» il nostro Paese resta «vulnerabile al contagio della crisi dell’area euro», conclude il rapporto integrale sulla missione degli economisti di Washington pubblicato ieri. E sono le stime aggiornate, rispetto a quelle anticipate a metà maggio a Roma, a dimostrarlo.
Secondo l’istituzione guidata da Christine Lagarde, «riflettendo l’andamento lento della ripresa, la disoccupazione è prevista raggiungere l’11,1% nel 2013» dal 10,3 di quest’anno. Il deficit viene rivisto al 2,6% nel 2012 e all’1,5% nel 2013. Anche il debito salirà più del previsto: al 125,8% quest’anno e al 126,4% il prossimo.
E la crescita non si intravede: le previsioni sul Pil sono confermate con un calo dell’1,9% nel 2012 che si ridurrà a -0,3% nel 2013. L’inflazione, invece, calerà in Italia solo gradualmente a causa dell’aumento dell’imposizione fiscale indiretta che ha parzialmente compensato una domanda diventata più debole: i prezzi al consumo, che hanno toccato il +3,5% a maggio, dovrebbero attestarsi al 3% quest’anno e al 2,1% nel 2013.
Il punto, precisa l’Fmi, è che «malgrado un significativo risanamento dei conti, gli spread sui titoli di stato italiano restano elevati, e il volume annuale di debito in scadenza per lo Stato e per le banche è sostanziale». Anche ieri infatti lo spread Btp-Bund ha chiuso a 460,4 punti base, in lieve ribasso sull’apertura a 477 punti base, e con il rendimento del Btp a 10 anni al 5,92%. E le Borse, nonostante l’accordo raggiunto all’Eurogruppo e le misure per la crescita, sono rimaste caute: Piazza Affari ha chiuso in moderato rialzo, a +0,4%.
Il Fondo raccomanda al governo Monti, ma anche alle forze politiche che lo sostengono, di procedere sulla strada delle riforme, senza le quali «la crescita potenziale continuerà a restare debole», pregiudicando ogni possibilità di una seria ripresa dell’economia. Il Fondo invita anche a non sottovalutare la situazione del sistema bancario italiano che «continua a dipendere pesantemente dal sostegno finanziario dell’Eurosistema» e che dovrebbe «mantenere livelli di capitale e di liquidità adeguati». In particolare, «il consistente stock di asset deteriorati e la crescente esposizione verso i debiti sovrani rende le banche vulnerabili di fronte al rallentamento dell’economia e agli stress sui mercati».
Sui conti pubblici, la raccomandazione dell’Fmi è quella di andare «verso un taglio delle spese e una riduzione delle tasse». Promossa la riforma del lavoro, anche se per l’istituzione può essere fatto di più «per colmare il gap tra lavoratori a tempo indeterminato e precari, migliorare la partecipazione al mercato del lavoro». Come del resto confermano i dati forniti ieri dall’Ocse, l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo, che nel suo Employment Outlook pubblicato ieri, ha tracciato stime fosche sui disoccupati totali dei Paesi membri: 47 milioni 700 mila, 14,1 milioni in più rispetto al 2008.
Quanto all’Italia, la disoccupazione dovrebbe salire dall’8,4% del 2010 e del 2011 al 9,4% nel 2012 e al 9,9% nel 2013. La crisi, secondo il rapporto, colpisce soprattutto i giovani e i lavoratori non qualificati: in Italia uno su due è precario e aumentano anche i disoccupati di lungo corso. La previsione dell’Ocse è che in Italia «la disoccupazione continui a aumentare». Nè potrebbe essere altrimenti dato che le imprese continuano ad arrancare: la gigantesca iniezione di liquidità effettuata dalla Banca centrale europea a favore del sistema bancario sembra non riuscire a trasferirsi alle aziende italiane, sia a causa dell’estrema debolezza dell’economia, sia per la riluttanza degli istituti di credito a concedere fondi nel timore di incorrere in maggiori sofferenze.
Secondo Banca d’Italia, a maggio il tasso di crescita sui 12 mesi dei prestiti al settore privato è sceso allo 0,7% rispetto all’1,7% di aprile. Eppure qualcosa si muove nel Paese. Un timidissimo segnale arriva dalla inattesa crescita della produzione industriale: secondo i dati Istat diffusi ieri, a maggio l’indice destagionalizzato è salito dello 0,8% su base congiunturale a fronte di stime per un calo dello 0,2%. Su base tendenziale la produzione invece resta in calo, -6,9%, ma l’attesa era per una flessione più ampia (-8,3%).

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Anche Mediobanca si allinea al trend generale del credito e presenta risultati di tutto rilievo, bat...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il Gruppo Arvedi rivendica, oltre al completo risanamento di uno dei siti più inquinati d’Italia ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il premier Mario Draghi ha un’idea verde per la siderurgia italiana, che fa leva sui miliardi del ...

Oggi sulla stampa