Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Fisco, condonate le mini cartelle Ricongiunzioni gratuite fino al 2010

Strappato dall’oblio il decreto sviluppo con un colpo di reni, a pochi giorni dalle dimissioni il governo tenta anche il salvataggio della legge di attuazione del principio costituzionale del pareggio di bilancio. E nel frattempo si assicura l’approdo della legge di Stabilità con alcuni emendamenti importanti, concordati con i relatori di maggioranza, su pensioni, ammortizzatori sociali e Fisco. La vera novità è l’estinzione automatica delle cartelle esattoriali di importo fino a 2.000 euro emesse prima del 31 dicembre 1999. La rottamazione dei ruoli del secolo scorso è stata introdotta con un emendamento dei relatori, che hanno anche presentato le attese proposte di modifica per le ricongiunzioni previdenziali per i dipendenti pubblici, che saranno gratuite per chi è passato dal pubblico impiego all’Inps prima del luglio 2010, i fondi per gli ammortizzatori sociali in deroga e per allargare la platea dei beneficiari dei finanziamenti agevolati per la ricostruzione post terremoto in Emilia e in Lombardia.
Prestissimo dovrebbero arrivare anche gli emendamenti che alleggeriscono il patto di Stabilità interno per gli enti locali e quelli per riformulare la Tobin Tax, mentre il governo sta mettendo a punto una tabella, da allegare al ddl, con la proroga di alcune imminenti scadenze di legge, che sostituirà il classico decreto milleproroghe di fine anno. Nella legge di Stabilità dovrebbero confluire anche il decreto per sanare le infrazioni alla normativa Ue e, forse, alcune norme per garantire un trapasso meno traumatico alle Province. La legge sarà in Aula al Senato il 17, dovrebbe essere approvata il 18 ed andare alla Camera per il via libera definitivo atteso il 20 dicembre.
Ieri sera, intanto, la Camera ha votato la fiducia al governo sul decreto sviluppo. I sì sono stati 295, i contrari 78, mentre i deputati del Pdl si sono astenuti. L’approvazione definitiva del decreto è attesa per questa mattina. Lunedì, nell’Aula della Camera, arriverà anche il decreto Ilva, anche questo accompagnato dalla richiesta del voto di fiducia, dopo la messa a punto del testo operata oggi dal governo con un emendamento che consente la vendita dei prodotti realizzati prima dell’entrata in vigore dello stesso decreto.
L’attenzione, a questo punto, si sposta sulla legge che garantisce il pareggio di bilancio. Camera e Senato hanno iniziato l’esame in contemporanea, caso alquanto raro se non unico, e naturalmente sono arrivati a conclusioni diverse. Il Senato propende per affidare la nuova Autorità di bilancio, che dovrà garantire la correttezza contabile e l’applicazione dei criteri Ue, ad un organo monocratico mentre la Camera si era orientata su una commissione di tre membri. Ma se il Senato aveva deciso due giorni fa di gettare la spugna, la Camera ieri ha approvato il «suo» testo, a larghissima maggioranza, con una piccola apertura: il presidente del nuovo organismo avrà poteri maggiori rispetto agli altri componenti. La legge, però è passata con il parere contrario del governo, che appoggia senza troppe riserve la soluzione elaborata dal Senato.
Al Senato il governo tenterà nuovamente di modificare il testo, presentando anche altri emendamenti, e non dovrebbe aver difficoltà ad ottenere il via libera di Palazzo Madama. Molto più arduo sarà il successivo, necessario, ritorno alla Camera: è una legge «rafforzata» che deve essere approvata a maggioranza assoluta dalle due Camere. E a Montecitorio, anche dopo l’astensione di ieri del Pdl, l’operazione rischia di essere complicata.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un voluminoso dossier, quasi 100 pagine, per l’offerta sull’88% di Aspi. Il documento verrà ana...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La ripresa dell’economia americana è così vigorosa che resuscita una paura quasi dimenticata: l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora prima che l’offerta di Cdp e dei fondi per l’88% di Autostrade per l’Italia arrivi sul ...

Oggi sulla stampa