Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Scandalo bancario in Danimarca Riciclaggio, via il vertice Danske

Inaspettatamente scopriamo che c’è del marcio nel sistema bancario della Danimarca, e in particolare tra le pieghe dei conti del primo istituto danese e uno dei maggiori nel Nord Europa,la Danske Bank — circa 20 mila dipendenti e una capitalizzazione che in dollari supera i 24 miliardi. In realtà i problemi dell’Istituto di credito danese, guidato dal ceo Thomas Borgen — che ieri ha rassegnato le dimissioni per un colossale scandalo di riciclaggio di denaro sporco — nascono oltre una decina di anni fa.

Solo ieri, tuttavia, al termine di un’indagine interna avviata da circa un anno,l’istituto danese ha reso noto di non essere in grado al momento di valutare l’esatto ammontare di denaro riciclato nella sua filiale estone tra il 2007 e il 2015. Immediate, dopo la pubblicazione del report,le dimissioni del ceo Thomas Borgen. «É ovvio che Danske Bank non è stata all’altezza delle sue responsabilità nel caso di riciclaggio di denaro in Estonia», ha ammesso lo stesso Borgen, che fu alla guida della rete estera di Danske Bank, e dunque anche delle filiali in Estonia, tra il 2009 e il 2012, quindi nel pieno del periodo in cui si sono manifestate le irregolarità venute alla luce oggi.

L’indagine interna, realizzata da un organismo indipendente, ha riguardato flussi per 1.500 miliardi di corone danesi (oltre 200 miliardi di euro)transitati da una filiale di Danske Bank in Estonia. Si tratta di una cifra imponente, soprattutto considerando che l’intero Pil dell’Estonia nel 2017 è stato pari a 23 miliardi di euro. La somma di denaro sporco transitata illegalmente attraverso la controllata estone della banca danese è pari dunque a quasi 10 volte il Pil dello Stato baltico. Ad essere coinvolti nelle irregolarità sono circa 15mila conti — di cui 6.200 considerati sospetti — per un totale di oltre 9,5 milioni di pagamenti realizzati appunto tra il 2007 e il 2015. Tra i titolari dei conti sotto esame, secondo alcune fonti, figurerebbero anche i nomi di alcuni familiari del presidente russo Vladimir Putin.

Il portafoglio clienti «non Estoni» finito nell’occhio del ciclone includeva oltre a cittadini russi anche soggetti residenti in Azerbaijan, Ucraina e altri paesi ex-sovietici

Nel report che ha fatto esplodere lo scandalo si afferma che «la stragrande maggioranza» delle transazioni realizzate in Estonia è considerata «sospetta». Il presidente dell’organo di vigilanza finanziaria estone Finantsinspektsioon, Kilvar Kessler, ha affermato che l’audit ha fornito «prove evidenti delle ampie carenze che esistevano nella banca». A questo punto lo scandalo potrebbe dilagare perché il caso ha sollevato ulteriori dubbi sulle pratiche bancarie nei paesi baltici soprattutto alla luce della crescente presenza di clienti «non residenti», in particolare di nazionalità russa.

Sotto la guida del ceo Thomas Borgen, tra il 2013 e il 2017 e il 2017, il titolo Danske Bank è più che raddoppiato alla Borsa di Copenaghen, salvo perdere circa un terzo da quando le indagini sulle transazioni sospette — rivelate per la prima volta da un «whistleblower» (informatore interno di comportamenti illegali) nel 2014 — hanno cominciato a tradursi in concrete ipotesi di reato di natura penale sia in Estonia che in Danimarca.

Difficile fare una stime del danno che l’istituto danese potrà subire a questo punto. Una indicazione del costo potenziale la fornisce la sanzione di 775 milioni di euro che proprio in questo mese il gruppo olandese Ing ha accettato di pagare dopo aver riconosciuto l’uso criminale dei conti della banca per riciclare denaro «sporco». A inizio di quest’anno inoltre le autorità di vigilanza degli Stati Uniti avevano accusato di riciclaggio la banca lituana Ablv impedendole ogni ulteriore accesso alla raccolta di capitali negli Stati Uniti, provocandone così il rapido tracollo. Danske Bank non detiene invece una licenza bancaria negli Stati Uniti ma un eventuale divieto alle controparti americane di trattare con l’istituto danese avrebbe l’effetto di espellerla dalla rete della finanza globale. In seguito a queste vicende Danske Bank ha registrato ieri un ulteriore calo di oltre il 3% alla Borsa di Copenaghen.

Marco Sabella

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cinque nomi nuovi, a partire da Andrea Orcel, cinque conferme (più Pier Carlo Padoan, cooptato da p...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Francesco Gaetano Caltagirone segue le orme di Leonardo Del Vecchio e, dopo anni passati ad arrotond...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Zero profitto, zero dividendo: così la Bundesbank ha chiuso il bilancio 2020, un bilancio pandemico...

Oggi sulla stampa