Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Debito a 155,7%, 43mila euro a testa Il deficit cancella le clausole Iva

Ad alimentare il deficit sarà invece prima di tutto la Cassa integrazione: la proroga dell’ammortizzatore reso quasi universale dal decreto Marzo dovrebbe costare 13 miliardi, e sarà affiancata da 7 miliardi per concedere per due mesi l’indennità rafforzata a 800 euro ad autonomi e professionisti. Al rafforzamento della Naspi serviranno 1,3 miliardi, che estenderanno il sussidio anche a colf e badanti: in un elenco della spesa che riduce però ai minimi termini il reddito di emergenza voluto dai Cinque Stelle (1-1,5 miliardi invece dei 3 annunciati dalla ministra del Lavoro Catalfo) e il pacchetto famiglia (500 milioni) caro a Italia Viva. E proprio da qui ripartirà il confronto nella maggioranza.

ROMA

Un’altra giornata di lavoro sui numeri e l’incrocio con il Consiglio europeo hanno allungato ancora la gestazione di Def e relazione al Parlamento sul deficit per la maximanovra anticrisi. Che a questo punto difficilmente arriverà entro il mese di aprile come da previsioni del governo.

Le cifre di riferimento hanno preso forma nella riunione notturna fra mercoledì e giovedì, che ha sancito due cose: il conto della manovra, la più grande della storia repubblicana, è salito ancora, con un deficit aggiuntivo che sarà di 55 miliardi, cioè il 3,3% del Pil con una ricaduta dell’1,4% del Pil sul 2021, e un fabbisogno che dovrebbe superare addirittura i 161 miliardi. Ma l’altro dato registrato dalla riunione è il mancato accordo fra le forze di maggioranza su alcune delle misure chiave del prossimo provvedimento. La complicata ricerca di un’intesa proseguirà questa mattina, quando è in programma un incontro fra il ministro dell’Economia Gualtieri e i capigruppo della maggioranza. Poi, finlmente, il Consiglio dei ministri.

Ma partiamo dalle certezze. L’effetto combinato di recessione e spinta al deficit per gli interventi urgenti porterà il debito pubblico al 155,7% del Pil: il debito arriva insomma nelle vicinanze dei 2.600 miliardi di euro, con un aumento di oltre 190 miliardi rispetto allo scorso anno, facendo salire il conto nei dintorni dei 43.100 euro per ogni italiano, neonati compresi. Il debito rimane «sostenibile», rimarca la bozza del Def circolata ieri sera, ma per riavvicinare la media dell’area euro l’Italia dovrà impiegare un decennio a colpi di «congrui surplus di bilancio primario».

Si riassume così il colpo inferto dal Coronavirus a un quadro di finanza pubblica che negli anni scorsi non era riuscito a far cambiare direzione al debito, nonostante la correzione “involontaria” del deficit realizzata dal governo Conte-1. E che oggi, per contrastare un crollo dell’economia che si porta via oltre 20 miliardi di entrate fiscali, può contare solo sul disavanzo e su contromisure europee tutte da costruire (e da digerire, come nel caso del Mes).

In queste condizioni, lo sforzo da mettere in campo è straordinario, perché 160 miliardi abbondanti di fabbisogno non conoscono precedenti nella storia italiana, come nessun precedente si incontra per 55 miliardi di deficit attivati in un colpo solo: la manovra Amato del 1992, per tornare ad altri periodi bui, fu di circa 45 miliardi. Il deficit, 10,4%, è esattamente quello del 1992, mentre la caduta del Pil dell’8% è un inedito per l’Italia repubblicana.

Nasce da questo scenario il quadro di finanza pubblica che dovrebbe finire questa mattina sui tavoli del Consiglio dei ministri. E che si limita a fotografare la situazione del 2020 e 2021, come anticipato sul Sole 24 Ore di domenica, in attesa di tempi migliori per la definizione di un programma completo. I due anni disegnati dal Def sono un’altalena, perché al -8% del Pil di quest’anno seguirà un rimbalzo del 4,7% nel 2021 (dinamica confermata dalle previsioni diffuse ieri da Moody’s). Il debito, in volo al 155,7% nel 2020, è atteso scendere al 152,7% nel 2021, quando il deficit si ridurrà al 5,7% dal 10,4% di quest’anno: non scenderà di più perché saranno cancellate le clausole di salvaguardia che prevedono l’aumento Iva da 20,1 miliardi dal prossimo 1° gennaio: l’addio a questo cappio, secondo le ipotesi formulate nelle ultime riunioni, potrebbe arrivare già nel prossimo decreto, se l’idea otterrà un’interpretazione flessibile della «necessità e urgenza» che motivano le norme dei decreti legge.

Sono ancora una volta i numeri, comunque, a dettagliare l’elenco delle priorità della maximanovra in arrivo. In termini di fabbisogno, a dominare il campo sarà la ricapitalizzazione a patrimoni separati di Cdp, che nell’ultimo impianto del provvedimento sale a 50 miliardi, seguita dai 30 miliardi necessari a coprire le garanzie del decreto liquidità. Confermata anche la replica dello sblocca-debiti della Pubblica amministrazione, che si potrebbe però fermare a 12 miliardi invece dei 15 annunciati concentrandosi sugli enti locali.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il colosso cinese Huawei non compare nella lista dei fornitori ammessi alla gara indetta da Tim e pa...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Tutti sulla nuvola a caccia dell’oro del secolo: i dati. Come custodirli, in sicurezza. E scambiar...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Rinvio al 30 settembre del termine per l'approvazione dei bilanci di previsione 2020-2022 e della sa...

Oggi sulla stampa