Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Warner Music, in testa ai ricavi c’è lo streaming

«Quando un’azienda crea un nuovo prodotto, perfeziona la tecnologia, scopre una migliore fonte di approvvigionamento, inaugura un metodo di produzione più efficiente, è in grado di distruggere i concorrenti». È quello che sosteneva Joseph Schumpeter secondo cui l’essenza del capitalismo è la «distruzione creativa». Chissà se anche i manager di Warner Music Group avranno pensato all’economista austriaco dando un’occhiata ai dati di bilancio e ai numeri dell’International Federation of the Phonographic Industry. Nell’industria discografica c’è stato il tempo delle cassette al posto dei vinili, i compact-disc in sostituzione delle musicassette, l’era del download e ora quella dello streaming. L’anno scorso, a livello globale, i ricavi dallo streaming sono cresciuti del 45%. E Warner è la prima casa discografica a certificare che lo streaming è diventata la sua principale fonte di guadagno. Nel primo trimestre del 2016 gli utili Warner sono cresciuti del 10% ma a fronte del declino dei formati fisici come i cd, la società ha visto aumentare del 59% i ricavi da streaming e del 20% quelli digital.

 

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’anno del Covid si porta via, oltre ai tanti morti, 150 miliardi di Pil. Ma oggi si può dire che...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Forte crescita dell’attività di private equity nei primi due mesi dell’anno. Secondo il dodices...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Goldman Sachs ha riavviato il suo trading desk di criptovalute e inizierà a trattare futures su bit...

Oggi sulla stampa