Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Wall Street fredda, i big «social» valutano l’impatto

La decisione della Corte di giustizia dell’Unione europea di invalidare l’accordo di “Safe Harbor”, che da quindici anni governava il libero trasferimento di dati transatlantico e accompagnava la crescita dell’economia digitale e delle sue società, ha avuto nell’immediato contenute ripercussioni in Borsa: le quotazioni di protagonisti grandi e piccoli di Internet, dai social network al commercio elettronico e ai gadget mobili, si sono limitati a segnare il passo. Ma analisti e investitori ammoniscono che, se l’annullamento sarà seguito da spirali di scontri e incertezze bilaterali, il terremoto per strategie e prospettive – anche di mercato – delle aziende è enorme. E complica uno scenario che vede le azioni in preda a intensa volatilità.
La minaccia, sul fronte finanziario, è che battaglie e tensioni legali generino una «gelata» di costi e frenate nel business, diventando la miccia che fa esplodere bolle speculative o correzioni al ribasso nella capitalizzazione del settore. L’indice Nasdaq, ricco di titoli tech, a quota 4.745 punti, perde oggi solo il 9% dai massimi di luglio, frutto di una corsa del 18,4% in un anno, tripla rispetto al Dow Jones. Numerosi marchi sono inoltre nel mirino dell’antitrust o a caccia di nuovo sviluppo e la marcia degli utili del comparto, nel terzo trimestre appena chiuso, potrebbero risultare di un modesto 1,7%, anziché una flessione, soltanto grazie a Apple.
Facebook, la società al centro del caso di protezione della privacy che ha portato al verdetto, ha tradito l’insofferenza: «È imperativo che Unione Europea e governo degli Stati Uniti assicurino la continuazione di metodi affidabili per il legale trasferimento di dati e risolvano qualunque questione relativa alla sicurezza nazionale», ha fatto sapere. Questo nonostante Facebook, assieme ad altri grandi gruppi più prudenti, abbia pronti sistemi alternativi – «un ventaglio di metodi», ha indicato il social network – che però sono più lenti e onerosi. Altre società hanno preferito il no comment. Forse scommettono su soluzioni ragionevoli della disputa, che diano tempo per adeguarsi a nuovi regimi e siano coronate dal successo di trattative in corso su una aggiornata versione dell’intesa di «porto sicuro».
La preoccupazione è filtrata nei quartieri generali delle imprese come nell’amministrazione Obama. Il Dipartimento al Commercio si è impegnato a offrire linee guida alle imprese su una decisione, quella della Corte Ue, che «può essere distruttiva a seconda di come viene applicata», ha dichiarato Michael Daniel, coordinatore della ciber-sicurezza alla Casa Bianca. Pur sostenendo che «noi e gli europei sapremo affrontare la sfida». Mark McCarthy, della Software & Information Industry Association, ha da parte sua denunciato la necessità «di certezze legali per le aziende» e chiesto alla Ue di garantire che «il trasferimento di dati continui fino a un nuovo accordo».
La posta in gioco non potrebbe essere più alta. L’accordo di safe harbor, bocciato perché non offrirebbe sufficiente protezione dalle attività di spionaggio statunitensi rivelate da Edward Snowden, è utilizzato da oltre 4.500 aziende americane, da Apple ad Amazon, da Oracle fino a Yahoo e a Google della neonata Alphabet che hanno giro d’affari globali per centinaia di miliardi di dollari. Muove facilmente dati di cittadini europei, da transazioni a file di uffici del personale, attraverso grandi computer (server) americani creando la spina dorsale di attività di commercio elettronico, servizi di cloud computing e pubblicità che ne ne fanno una delle più ricche frontiere di interscambio. Lo spettro di ostacoli e ricorsi, se non sarà esorcizzato, minaccia di spingere clienti aziendali verso società non americane. E sotto pressione finirebbero anzitutto gruppi di piccole e medie dimensioni che non sono in grado di effettuare svolte rapide.
Anche per le “firme” di Internet non mancano gli interrogativi mentre sono oggetto di crescente scrutinio regolamentare o di ridefinizione dei loro modelli di business. Facebook è perseguitata da perplessità sulla privacy negli stessi Stati Uniti. Apple, regina della market cap in Borsa con 630 miliardi, cerca nuove opportunità di crescita ed è sotto tutela di un monitor antitrust per il caso dei prezzi maggiorati degli ebook. Yahoo è alla disperata ricerca di redditività e Google è nel mirino dell’antitrust per la posizione dominante nel mobile con il software Android.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Le previsioni della Commissione europea sull’economia dell’Unione e dell’Italia rappresentano ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Con un coordinamento esemplare, le due maggiori economie mondiali hanno rilasciato una "doppietta" d...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il 2021 offre un parziale esonero contributivo, pari a un massimo 3mila euro, a lavoratori autonomi ...

Oggi sulla stampa