Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Wall Street ai massimi spinge l’Europa

Wall Street sui massimi entusiama le Borse di tutto il mondo. Anche Piazza Affari che dopo giorni di nervosismo, senza un governo e senza una prospettiva di stabilità politica, ha messo a segno un rialzo del 2,78% come non si vedeva da tempo, conquistando per un giorno il titolo di migliore Borsa europea. Persino lo spread è sceso portandosi a 328 centesimi da 346 di lunedì. Complice di tanta euforia non sono motivi endogeni, difficili da trovare. Cina e Stati Uniti hanno guidato i rialzi di tutte le Borse con Parigi che ha terminato in rialzo del 2,09%, Francoforte +2,32%, Londra +1,36% e Madrid +2,15 per cento.
Si comincia con Wall Street dove il Dow Jones, l’indice delle 30 principali società si è portato sui nuovi massimi assoluti a 14.226,2 punti superando i picchi storici toccati nell’ottobre 2007 (14.164,53). Massimi dall’autunno 2007 anche per l’S&P’s 500 che viaggia in rialzo dello 0,69% a 1.535,76 punti, con il massimo assoluto distante soltanto di 2 punti percentuali. La Borsa Usa non ha pagato dazio al mancato accordo sul «sequester», ossia i tagli automatici alla spesa pubblica per 85 miliardi di dollari che quest’anno, secondo la Fed, avranno un impatto negativo dello 0,6% sul Pil. In realtà secondo alcuni analisti tanto entusiasmo non è giustificato. Basta guardare alcuni indicatori del 2007 per capire che i motivi sono altri: se negli Usa il Gdp cresceva del 2,5%, oggi non si va oltre l’1,6%; i disoccupati erano 6,7 milioni oggi si attestano oltre 13 milioni; il rapporto debito su Gdp è passato dal 38% al 74% con il rating degli Usa che da AAA è sceso AA+. Insomma il deterioramento c’è stato.
Eppure il rally borsistico, con un progresso di oltre il 7% da inizio anno, è stato sostenuto in questi mesi anche dal buon andamento dell’ultima stagione delle trimestrali con circa il 75% delle società dell’S&P 500 che hanno riportato utili oltre le attese. C’è chi fa notare che non è l’aspettativa di un miglioramento della congiuntura internazionale ad alimentare questo sentiment, ma piuttosto la “sete”di rendimento che spinge a comperare asset rischiosi, vendendo gli enormi stock accumulati in questi anni di obbligazioni governative che non rendono nulla, anzi hanno rendimenti reali negativi. Un rally quello americano sostenuto non solo dai risultati societari, ma anche dalla Federeal Reserve: dal marzo 2009, quando ha toccato il minimo storico a 6.547,05 punti, il Dow Jones è più che raddoppiato, guadagnando oltre 7.500 punti grazie soprattutto a Ben Bernanke e ai 4mila miliardi di dollari complessivi iniettati dalla banca centrale nell’economia.
Dagli Stati Uniti alla Cina: la Repubblica popolare cinese ha confermato il target di crescita al 7,5% anche per il 2013, invariato rispetto al 2012, con un incremento del 10% della spesa di bilancio per finanziare settori quali la sanità, l’agricoltura e l’istruzione. Indicazioni che hanno rimesso fiducia alla Borsa cinese, con il Csi 300 salito del 3%, dopo il crollo del 4% di lunedì e lo Shanghai Composite Index +2,3 per cento.
Anche l’Europa ha contribuito a dare fiducia ai mercati. Da una parte il ruolo dell’Europa a sostegno della crisi del debito cipriota, dall’altra i buoni dati macro, con il miglioramento dell’indice europeo Pmi/servizi e vendite al dettaglio e dello Ism negli Usa. Il risultato è stata una simmetrica crescita del BTp, con il rendimento sceso a 4,74% e il calo del Bund, portando lo spread tra i due decennali a 328 punti base. Ora gli occhi degli investitori sono puntati su altri appuntamenti chiave della settimana, dai dati sulla disoccupazione americana, agli stress test della Fed sulle banche statunitensi e alla riunione della Banca Centrale Europea: dal presidente Mario Draghi gli operatori attendono indicazioni di un cambio di rotta della Bce a sostegno dell’economia e del mercato del lavoro.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non ha tempi, non ha luoghi, non ha obbligo di reperibilità: è lo smart working di ultima generazi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Sono entusiasta di essere stato nominato ad di Unicredit, un’istituzione veramente paneuropea e ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il primo annuncio è arrivato all’ora di pranzo, quando John Elkann ha rivelato che la Ferrari pre...

Oggi sulla stampa