Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Wall Street affonda Europa e Asia Ma poi la Borsa Usa si riprende

Tregua e rimbalzo per Wall Street, dove il Dow Jones è risalito ieri del 2,34%, forte arretramento di tutte le Borse europee, ancora crolli sui listini asiatici. Il Day after successivo allo scivolone di 1.175 punti registrato lunedì scorso dall’indice Dow Jones della Borsa di New York presenta un quadro di reazioni frastagliato.

In mattinata è proseguito lo smottamento dei mercati asiatici, con l’indice Nikkei 225 di Tokyo in calo del 4,7%, Shanghai del 3,35% e Hong Kong addirittura del 5,12%. Mentre le Borse europee, dopo aver registrato in apertura perdite nell’ordine del 3-3,5% sono leggermente risalite in corso di giornata per chiudere comunque in profondo rosso: Londra -2,64%, Francoforte -2,32%, Parigi giù del 2,35%. Milano ha fatto appena meglio con una perdita del 2,08%. Secondo indiscrezioni l’Ue dovrebbe oggi rivedere al rialzo le previsioni di crescita 2018 per l’Italia portandole all’1,5% dal precedente 1,3%.

Ma gli occhi degli operatori erano puntati sull’apertura di Wall Street per capire se la tendenza ribassista sarebbe continuata. E dopo un’altalena durata per quasi tutta la seduta la risposta è stata chiara: rimbalzo. Il Dow Jones ha chiuso infatti con un rialzo del 2,34%, il Nasdaq del 2,13% e l’S&P500 dell’1,74%. La volatilità è stata comunque l’elemento dominante: l’indice Vix (che misura le oscillazioni dei prezzi) è salito fino a 40 punti, contro i 10-12 della settimana scorsa. Secondo Ubs la probabilità che nelle prossime due settimane si registri una nuova correzione superiore al 5% è pari al 25%.

Dal punto di vista dei commenti, sia le autorità di governo degli Stati Uniti che i grandi investitori tendono a ridimensionare la portata di uno scivolone che in sole due sedute ha comunque spazzato via tutti i guadagni realizzati dai listini nelle prime settimane dell’anno. Il segretario al Tesoro americano Steve Mnuchin si è detto «non eccessivamente preoccupato» dalla volatilità sui mercati visto che non ci sono implicazioni per la stabilità finanziaria. Intervenendo al Congresso, Mnuchin ha spiegato che il movimento osservato nelle ultime sedute è una «normale correzione, anche se ampia».

Anche gli investitori professionali tendono a gettare acqua sul fuoco. Secondo Steven Andrew, della società di investimento britannica M&G, «accade spesso che, dopo guadagni molto repentini, si possano osservare inversioni altrettanto rapide e questo spesso può succedere senza un chiaro elemento catalizzatore». Per Massimo Terrizzano, direttore investimenti di Bnp Paribas Am, nelle prossime due settimane gli investitori faranno bene a rimanere alla finestra. «Meglio non cercare di prendere un coltello mentre cade, ci si potrebbe tagliare».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Maximo Ibarra ha rassegnato le sue dimissioni da Sky Italia per diventare amministratore delegato e ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non cede all’ottimismo il ministro dell’Economia Daniele Franco che punta l’indice sui due pun...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

In punta di diritto: la contrarietà a un giudicato nazionale, nel contesto del giudizio di ottemper...

Oggi sulla stampa