Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Voucher per esportare

Sulla rampa di lancia i voucher internazionalizzazione pmi, con una dote da 26 mln di euro. Due diverse tipologie di contributo a fondo perduto: «voucher early stage» e voucher «advanced stage». Le pmi potranno presentare la domanda in via telematica, dal giorno 28 novembre 2017 (ore 10.00). Ma, già a partire dal 21 novembre, sarà possibile compilare online la domanda. Con due distinti decreti (dm 17 luglio 2017 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 18/09/2017 n. 218 e decreto direttoriale del 18/09/2017 in attesa di essere pubblicato in Gazzetta) il ministero dello sviluppo economico ha definito le modalità di concessione dei voucher a fondo perduto e il format per le società che vorranno essere nell’elenco dei soggetti accreditati a fornire i servizi di supporto alle pmi (si veda ItaliaOggi del 19 agosto 2017).

Iscrizione elenco società fornitrici. I voucher sostengono i processi di internazionalizzazione delle Pmi, attraverso la concessione di contributi a fondo perduto, finalizzati alla fruizione di servizi di Temporary Export Manager (Tem), erogati da società fornitrici preventivamente selezionate, per attività di analisi e ricerche di mercato, di individuazione e acquisizione di nuovi clienti, di assistenza legale, organizzativa, contrattuale e fiscale e di trasferimento di competenze specialistiche in materia di internazionalizzazione d’impresa. Le domande di inserimento in elenco potranno essere presentate a partire dal 16 ottobre 2017 (ore 10:00) e fino al 31 ottobre 2017 (ore 16:00). La domanda deve essere trasmessa attraverso l’apposita procedura informatica resa disponibile nella presente sezione del sito internet del MiSe.

Due tipologie di voucher. Le agevolazioni consistono in contributi a fondo perduto, concessi attraverso due diverse tipologie di voucher:

– voucher «early stage», di importo pari a 10.000 euro (8.000 per le imprese già beneficiarie della prima edizione del voucher), a fronte di un contratto di servizio di importo almeno pari, al netto dell’Iva, a 13.000 euro;

– voucher «advanced stage», di importo pari a 15.000 euro, a fronte di un contratto di servizio di importo almeno pari, al netto dell’Iva, a 25.000 euro. Il periodo di riferimento sono 12 mesi, decorrenti dal terzo mese di inserimento del tem in azienda.

Per i voucher «advanced stage» è prevista la possibilità di ottenere un contributo aggiuntivo pari a ulteriori 15 mila euro a fronte del raggiungimento dei seguenti obiettivi in termini di volumi di vendita all’estero:

 

  • incremento del 15% del volume d’affari derivante da operazioni verso Paesi esteri, registrato nel corso del 2018;
  • incidenza del volume d’affari derivante da operazioni verso Paesi esteri sul totale del volume d’affari, nel corso del 2018, pari al 6%.Risorse economiche e riserve. Nell’ambito della dotazione finanziaria complessiva (26 mln di euro) sono istituite tre riserve:
  • il 3% è destinato ai proponenti in possesso del rating di legalità;
  • il 10% è destinato alle start-up innovative e alle pmi innovative;
  • il 60% è destinato alla concessione dei voucher advanced stage.Sei mln sono destinati alle imprese con sede legale in Campania, Calabria, Basilicata, Puglia e Sicilia.

 

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

II default di Archegos e le maxi perdite di Melvin Capitai non hanno intaccato la ricerca di strate...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

"Di picchetti, anche molto duri, ne ho fatti tanti nella mia vita sindacale.Ho bloccato i camion ne...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il primo luglio, dopo 493 giorni, in Italia le aziende più grandi torneranno a licenziare. Il bloc...

Oggi sulla stampa