Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Vota il 57%, c’è il quorum

di M. Antonietta Calabrò

ROMA — Sono stati più di 26 milioni 850 mila gli italiani che hanno votato in oltre 61 mila sezioni elettorali allestite sul territorio nazionale. Il quorum è stato quindi raggiunto: il 57%degli elettori italiani è andato alle urne per rispondere ai quattro quesiti referendari. E con circa il 95 per cento di «sì» ha chiesto che le leggi sulla gestione dell’acqua (95,8%il primo quesito, 96,3%il secondo), sul piano energetico (che lasciava aperta la porta al nucleare, 94,7%) e il legittimo impedimento per premier e ministri (95,1%), vengano cancellate. Il risultato dell’affluenza è storico (erano sedici anni che non veniva raggiunto il quorum) e ha reso del tutto ininfluente il problema del voto degli italiani all’estero, che si sarebbe potuto innescare con una partecipazione più bassa. I dati definitivi del Viminale indicano percentuali pressoché identiche per tutti e quattro i referendum, con il massimo toccato dal secondo quesito sull’acqua (quello relativo alle tariffe, con il 57,05), seguito dal primo sull’acqua (57,04), mentre sull’energia nucleare i votanti sono stati il 57,01%e per il legittimo impedimento il 57%. Due ore prima che si chiudessero le urne, l’ultima polemica: perché il ministro dell’Interno, Roberto Maroni, aveva rivelato che la proiezio- ne degli esperti del Viminale, rispetto al dato di domenica sera, faceva «pensare che si raggiungerà il quorum» . Dopo i risultati ufficiali dal centrodestra sono arrivate dichiarazioni volte a «sterilizzare» l’impatto del voto sul governo. Per il ministro Ignazio La Russa «non cambia nulla per l’esecutivo» . Mentre il capogruppo del Pdl al Senato, Maurizio Gasparri, ha invitato a «non minimizzare, ma a rilanciare il progetto del partito con una forte iniziativa nei confronti dei settori produttivi e delle famiglie» . Il quorum è stato superato in tutte le venti regioni italiane, comprese Campania e Sicilia. Il dato più alto di corsa alle urne si è registrato in Trentino Alto Adige con il 64,6%mentre il più basso in Calabria con il 50,4%. È stata Firenze con il 65%(seguita da Bologna con il 64,9%) il capoluogo di regione con l’affluenza più alta. Tra le 12 grandi città italiane, Palermo (48,5%) e Napoli (dove non c’è stato l’effetto de Magistris) con il 49,3%, sono invece le città capoluogo di regione che hanno registrato l’affluenza più bassa. Catania, al 43,2, è la percentuale più bassa fra tutti i capoluoghi di provincia. Ottime affluenze hanno registrato anche Trento (64,4%), Ancona (63,8%), Campobasso (62,7%) Bolzano (62,1%). Bene Genova (61,2%), Roma (60,6%) e Torino (60,1%). A Milano invece ha votato soltanto il 52%. In controtendenza rispetto al Nord e al Sud due province: Sondrio che è l’unica provincia in tutto il Nord dove non si è raggiunto il quorum (48,7%) e Ragusa (patria televisiva del commissario Montalbano di Camilleri) è l’unica al Sud ad aver superato la quota del 60%. Quorum raggiunto anche ad Arcore (55,2), Porto Rotondo (54,8) e Casoria (52,1%), località legate alle recenti vicende del premier Berlusconi. A Lampedusa, centro dell’emergenza immigrati, ha voltato solo il 27,3%, una delle percentuali più basse, paragonabile a quella degli italiani all’estero (23%).

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«La priorità oggi è la definizione di un piano concreto e coraggioso per fruire dei fondi dedicat...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Sempre più al centro degli interessi della politica, ora la Banca Popolare di Bari finisce uf...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il post-Covid come uno spartiacque. Le aspettative dei 340 investitori che hanno partecipato alla di...

Oggi sulla stampa