Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Voluntary, tour oltre confine

Vaduz, Lussemburgo, Montecarlo, Zurigo, Ginevra, Bolzano-Bressanone sono solo alcune delle piazze del tour de force dei convegni, spesso a porte chiuse, in lingua inglese o tedesca, con clausole di riservatezza, organizzate dalle banche straniere per parlare e raccontarsi tutta la verità sulla voluntary disclosure.

Professionisti, consulenti e società fiduciarie contesi per una formazione senza peli sulla lingua su ciò che conviene e non conviene fare per la voluntary disclosure. E mentre la macchina della formazione e informazione si muove con un calendario stretto di appuntamenti l’Agenzia delle entrate è al lavoro per la stesura della circolare sulla voluntary disclosure ed è disposta ad accogliere domande e quesiti di orientamento.

Le banche estere, secondo quanto risulta a ItaliaOggi, hanno un unico obiettivo trattenere i clienti italiani ed evitare la temuta fuga in massa dei capitali in Italia. Ecco perché guardano con interesse alla soluzione del rimpatrio giuridico: far emergere le evidenze finanziarie, chiudere i conti con il passato fiscale italiano e fare gestire tutto in Italia da un qualche sostituto di imposta, per esempio una società fiduciaria. Non solo.

Le banche richiedono ai partecipanti di evidenziare pro e contro, pregi e difetti delle nuove norme tanto che nei convegni non è prevista, spesso la presenza della controparte l’amministrazione finanziaria che risulta quindi convitato di pietra degli incontri.

I professionisti sono chiamati a illustrare le novità e soprattutto le differenze con i precedenti scudi fiscali. Stavolta il ruolo delle banche è nel guado tra mantenere i clienti (o, nel caso delle banche italiane, proporsi per la raccolta dei capitali rientranti) e di fornire e/o indirizzare il cliente alla consulenza.

Non si tratta più infatti di compilare un modello abbastanza semplice e immediato come era la dichiarazione riservata, il formulario, reso disponibile dall’Agenzia delle entrate, è una vera e propria ricostruzione genealogica delle ricchezze e delle loro costruzioni e smantellamenti.

Un lavoro non semplice a cui le banche estere non sono preparate e che non hanno neanche voglia di sobbarcarsi per conto del cliente e per questa ragione hanno grande interesse a informare e a essere formati.

Nelle edizioni dello scudo fiscale poi a sfavore di questo tipo di interesse giocava anche un tempo abbastanza ristretto per maturare le decisioni e operare.

Ora la voluntary disclosure lascia aperta la strada fino a settembre 2015 e al momento le norme in vigore non sono all’insegna della semplicità.

Il decreto legge con le disposizioni sulla collaborazione volontaria è attualmente all’esame della commissione finanze della camera. Daniele Capezzone, presidente della commissione VI, ha previsto un fitto calendario di audizioni di esponenti del mondo professionale e istituzionale per far emergere i temi sul tappeto.

Una collaborazione volontaria così come è non piace molto ed è stata accolta con più di qualche perplessità dai professionisti, tanto che lo stesso presidente della commissione finanze della camera ha già annunciato, su ItaliaOggi, possibili modifiche che puntino a semplificare le procedure e a rendere più conveniente la riemersione.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Leonardo Del Vecchio stila la lista per il rinnovo del consiglio di amministrazione di Essilor Luxot...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Per capire la Ragioneria generale dello Stato bisogna aver visitato la sala di Via Venti Settembre d...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Riflettori puntati sulla cessione della quota (il 62,50%) di Banca Profilo, oggi all’interno del p...

Oggi sulla stampa