Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Voluntary disclosure, la Francia doppia l’Italia

Il fisco francese ha raccolto quasi 10 miliardi di euro dalla voluntary disclosure tra il 2012 e il 2017. Il «Dipartimento di regolarizzazione dei conti nascosti», service de régularisation des avoirs à l’étranger, (Stdr), aperto nel 2013, e chiuso alla fine del 2017, ha generato un totale di 9,4 miliardi di euro di entrate (la volutanry disclosure italiana, chiusa nel 2015 generò entrate per circa 5 mld). Ma rimangono da elaborare altri 10 mila fascicoli che porteranno ulteriori risultati. È quanto riporta Le Figaro che ha analizzato in anteprima un report presentato al parlamento francese sul lavoro dell’unità speciale. In 5 anni sono stati individuati circa 47 mila casi di pentiti che avevano investito il loro denaro in paesi coperti dal segreto bancario. Solo nel 2018, la Stdr ha trattato 11.344 casi, il 77% dei quali provenienti dalla Svizzera, l’8% dal Lussemburgo, e il 2,5% dagli Stati Uniti, riscuotendo così 938 milioni di euro in tasse e sanzioni. Mercoledì mattina, Gérald Darmanin, ministro delle finanze, ha confermato i numeri pubblicati da Le Figaro con un tweet «In cinque anni, l’unità di regolarizzazione dei conti nascosti ha generato per lo Stato 9,4 miliardi di euro. Accelereremo la lotta contro la frode fiscale rafforzando il nostro arsenale». L’unità di regolarizzazione dei beni detenuti all’estero è stata creata durante il governo di Jean-Marc Ayrault a seguito del caso Cahuzac. Nel 2012, il ministro delle fiananze Jérôme Cahuzac è stato accusato di possedere fondi non dichiarati in conti detenuti in Svizzera e a Singapore. Il giorno dell’apertura dell’indagine giudiziaria, il 19 marzo 2013, il presidente della Repubblica, François Hollande, ha annunciato le dimissioni del ministro dal governo. Nel maggio 2018, Cahuzac è stato condannato definitivamente a due anni di carcere, pena poi convertita con gli arresti domiciliari, al pagamento di un’ammenda da 300 mila euro e a 5 anni di interdizione dai pubblici uffici.

Matteo Rizzi

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Al via la banca tutta online e digitale del gruppo Illimity, che fa capo a Corrado Passera. È Illim...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Google ha accettato di pagare un totale di quasi 1 miliardo di euro per chiudere il contenzioso fisc...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il fondo Blackrock torna sopra la soglia del 5% del capitale sia in Unicredit che in Intesa Sanpaolo...

Oggi sulla stampa