Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Vodafone Italia, alleanza con PayPal Acquisti più facili con lo smartphone

PayPal sbarca nel mondo fisico delle attività commerciali come negozi e ristoranti. E Vodafone Italia offre un nuovo servizio ai propri clienti per effettuare acquisti con lo smartphone, dopo il lancio di Vodafone Pay nello scorso febbraio. È l’effetto della partnership siglata da Vodafone e PayPal che sarà operativa dal 27 giugno e che permetterà — da lunedì prossimo — per la prima volta in Italia, di effettuare pagamenti contactless tramite smartphone utilizzando PayPal anche in attività commerciali. Sarà infatti possibile usare l’account PayPal con Vodafone Pay, per acquisti anche nel mondo fisico grazie agli oltre 500 mila pos (point of sale) contactless — il doppio rispetto all’anno scorso — presenti in Italia, avvicinando semplicemente il proprio smartphone alla cassa. Come avviene sempre più spesso per l’ingresso negli aeroporti dove gli smartphone stanno sostituendo le carte d’imbarco, inglobandole in un portafoglio virtuale.

Se l’utilizzo di Internet in Italia ha avuto un’impennata grazie alla diffusione degli smartphone, è lecito pensare che altrettanto possa avvenire per i pagamenti con moneta elettronica. Sebbene l’utilizzo delle carte di credito in Italia stia crescendo, nei confronti degli altri Paesi europei le transazioni restano ancora inferiori. E questo nonostante il numero delle carte di credito in Italia sia allineato a quello degli altri Paesi europei. Lo smartphone, però, potrebbe dare la spinta decisiva alla crescita delle transazioni: sono infatti 16 milioni gli italiani che hanno uno smartphone nfc (il chip per l’integrazione delle carte) abilitato ai pagamenti di prossimità, in crescita del 33% rispetto al 2014 (dati 2015 dell’Osservatorio mobile Payment & Commerce del Politecnico di Milano).

Da questo punto di vista un passo decisivo per un maggiore utilizzo dello smartphone per gli acquisti è stato fatto da Vodafone Italia già nello scorso febbraio, con il lancio del servizio Vodafone Pay che permette pagamenti in mobilità associando tutte le carte di credito Visa e MasterCard (emesse da qualsiasi banca) e la maggior parte delle prepagate allo smartphone. Il pagamento viene effettuato semplicemente avvicinando il telefono al pos contactless senza dover aprire l’applicazione (dopo ogni acquisto il cliente riceve una notifica con l’esito dell’operazione). Adesso, grazie all’accordo con PayPal, il servizio Vodafone Pay viene esteso a una platea ancora più ampia, con la possibilità di aggiungere, oltre ai circuiti Visa e MasterCard anche l’account PayPal che può essere creato direttamente all’interno dell’applicazione di Vodafone Wallet che, oltre alla funzione dedicata ai pagamenti, ospita le sezioni Carta fedeltà e Trasporti, come i biglietti degli autobus. In realtà, poiché l’account PayPal può essere appoggiato anche solo al conto corrente, gli acquisti potranno essere effettuati anche senza avere una carta di credito.

Per i clienti di PayPal — che in Italia ha 5,5 milioni di conti attivi e rappresenta il 26% delle transazioni online — invece l’accordo con Vodafone Italia (complessivamente 25 milioni di clienti) permetterà lo sbarco nel mondo dei pagamenti fisici del mondo retail . In anticipo rispetto a colossi come Apple, Samsung e Google. Ovviamente sarà fondamentale la presenza di pos contactless : in questo aiuteranno le nuove regole che si è data MasterCard secondo cui dal 1° gennaio 2016 tutti i nuovi pos devono essere contactless e dal 1° gennaio 2017 tutte le nuove carte di credito dovranno essere — specularmente — anch’esse senza contatto.

Michelangelo Borrillo

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Alla fine, dopo un consiglio sospeso e riaggiornato a ieri pomeriggio, l’offerta vincolante per l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Scatta l’operazione-pulizia del Recovery Plan. Dal primo giro di orizzonte del gruppo di lavoro di...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Negli ultimi giorni, la stampa è entrata improvvisamente nel mirino di alcuni governi in Europa del...

Oggi sulla stampa