Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Visco: regole più strette per tutelare i risparmiatori

In un mondo finanziario (e non solo) in rapida evoluzione, caratterizzato da una crescente disintermediazione bancaria, serve «un rafforzamento delle norme a tutela della clientela e delle relative attività di controllo e prevenzione». Il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco parla all’Università Bocconi su banche, crisi e comportamenti. È la lezione intitolata a «Giorgio Ambrosoli» e l’intervento del numero uno di Via Nazionale è l’occasione per ricordare che «l’azione di vigilanza non può arrivare a sostituirsi alle scelte imprenditoriali, che restano sotto la responsabilità dei banchieri».

Il cambio di paradigma deve essere generale. «Le banche devono acquisire maggiore consapevolezza dei rischi legali e reputazionali di comportamenti scorretti, anche se non formalmente illeciti — ha spiegato —; dei benefici, nel medio e lungo periodo, di un’adesione convinta alla normativa e alla correttezza sostanziale». Ma anche i clienti devono fare la loro parte, ci deve essere «la disponibilità ad aumentare il proprio livello di competenze finanziarie di base e ad accrescere la consapevolezza dei propri diritti e degli strumenti di tutela esistenti». Soprattutto se si tiene conto che «una parte crescente dell’attività di intermediazione e dell’offerta di servizi di pagamento si sta spostando — ha osservato Visco — gradualmente ma costantemente al di fuori del tradizionale ambito di operatività delle banche, verso operatori e mercati che traggono vantaggio da regimi di vigilanza generalmente meno stringenti». Deve però essere chiaro che «buone norme, adeguate tempestivamente al passo dell’innovazione tecnologica e finanziaria sono essenziali per prevenire e scoraggiare i comportamenti scorretti, ma non bastano». Per Visco «è fondamentale un’ampia azione volta a rafforzare la capacità dei consumatori e degli investitori di compiere scelte finanziarie valutando correttamente le informazioni di cui dispongono».

Il governatore ha ricordato che «le banche hanno mostrato una sostanziale capacità di tenuta» e «non fronteggiano una crisi di natura sistemica». Le difficoltà, ha sottolineato Vico, restano «circoscritte» e «la loro serietà non va minimizzata». «In più casi l’impatto delle crisi — ha sottolineato — è stato rafforzato da comportamenti fraudolenti e gravemente scorretti».

Francesca Basso

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Siamo certamente partiti con il piede giusto». Carlos Tavares, amministratore delegato di Stellan...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«L’intervento del Pnrr si colloca nel solco degli sfidanti obiettivi definiti in sede europea e n...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Squadre di lavoro ad hoc per asili e i nuovi “ospedali di comunità”. Si avvia la fase operativa...

Oggi sulla stampa