Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Visco: “Banche, i cda costano troppo” Bazoli: il nostro sistema va bene così

Il governatore di Bankitalia torna ad avvisare le vigilate: non è più tempo di bonus stellari e strutture pletoriche, la crisi costringe a snellirle e svecchiarle con più donne e giovani nei vertici. Il seminario tenuto a Via Nazionale su “Governo societario e sana e prudente gestione delle banche” diventa occasione per spronare il ceto bancario, che non brilla per dinamismo ma deve cambiare per sopravvivere. Cinque anni di crisi, due recessioni, maggiori vincoli patrimoniali e regolamentari costringono a rivedere costi e abitudini per salvaguardare un minimo la redditività, sotto il 5% per qualche anno. In futuro il paese dei 741 istituti, leader europeo per densità di sportelli e nelle retrovie per asset gestiti da singola banca, dovrà cambiare e ridurre un rapporto medio costi/ricavi che nel 2011 era al 67% per le quotate (un po’ peggio della Francia, molto peggio di Spagna e Regno Unito), e fino al 71% per gli istituti minori.
Il governatore, nel notare i progressi del sistema e la buona tenuta nella tempesta, ha detto: «Restano resistenze e critiche all’azione correttiva di vigilanza circa aspetti problematici della governance, come stipendi e bonus dei vertici non coerenti con l’attuale crisi o costi connessi ad assetti di governo pletorici e eccessivamente articolati. Servono sforzi aggiuntivi ». Per Visco il buon governo bancario «è importante almeno quanto la disponibilità di capitale »; tanto più che la determina, se si parla di investitori istituzionali. Il governatore ha chiesto di accrescere «la presenza femminile e più in generale la diversità di età ed esperienze tra i consiglieri», perché «allarga le prospettive di analisi, riduce l’uniformità dei comportamenti, attenua gli effetti prociclici». Il suo dg Fabrizio Saccomanni ha auspicato «comportamenti proattivi, e l’eliminazione di male pratiche di nomina, specie nelle popolari, e nei diritti dei patti parasociali». Ospiti erano i maggiori banchieri del paese, per ascoltare e anche parlare. Giovanni Bazoli, presidente di Intesa Sanpaolo – che è anche prima socia di Bankitalia – forse sentitosi chiamato in causa ha detto: «Il sistema duale (di cui l’istituto è alfiere, ndr) non è fallito, funziona.
Dopo una fase sperimentale ha effetti molto positivi, e anche se ha bisogno di adeguate modifiche e integrazioni è del tutto ragionevole esplorarne la potenzialità». Il gruppo che Bazoli presiede sta modificando la governance, per introdurre i manager nel consiglio di gestione e snellire l’iter dei due consigli, che nel 2011 ha generato 235 riunioni.
«Le banche italiane hanno costi troppo alti rispetto ai ricavi – dice Claudio Scardovi, managing director di Alix Partners – e sistemi di rappresentanza molto stratificati, sia per l’esistenza di piccoli gruppi sia perché quelli grandi non inseriscono i loro manager (già stipendiati) nei cda delle controllate, spesso ambite da non professionisti espressi a livello locale». Pare il caso delle fondazioni, che di grandi e medie banche sono socie. Non è solo un problema di costi: anche di leva gestionale, che si rallenta e annacqua scendendo per li rami. Qualcuno – come Intesa Sanpaolo e Unicredit – lavora da solo a semplificare marchi, direzioni generali e consigli. Altri presto potrebbero doverlo fare mettendo in comune attività o gruppi interi.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Non sapevo che Caltagirone stesse comprando azioni Mediobanca. Ci conosciamo e stimiamo da tanto t...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Primo scatto in avanti del Recovery Plan italiano da 209 miliardi. Il gruppo di lavoro "incardinato"...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Cina ha superato per la prima volta gli investimenti in ricerca degli Stati Uniti. Pechino è vic...

Oggi sulla stampa