Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Vigilia di tassi in borsa

Seduta in rialzo per le borse europee, in attesa dell’odierna riunione della Fed. L’aspettativa è per un rialzo dei tassi americani, il terzo quest’anno. La previsione è rafforzata dai dati sui prezzi alla produzione negli Stati Uniti, che a novembre sono saliti del 3,1%, il massimo da cinque anni, inasprendo le pressioni sull’inflazione. A Milano la chiusura è stata debole, con il Ftse Mib in progresso dello 0,16% a 22.727 punti. Più toniche Parigi (+0,75%), Londra (+0,63%) e Francoforte (+0,46%). A New York il Dow Jones e il Nasdaq viaggiavano in rialzo rispettivamente dello 0,58 e dello 0,12%. Lo spread Btp-Bund è salito a 139.

A piazza Affari in luce il comparto oil&gas: Tenaris ha guadagnato il 3%, Saipem l’1,81% ed Eni l’1,22%. Telecom Italia (invariata a 0,76 euro) ha consolidato l’andamento positivo dell’ultimo periodo: Mediobanca Securities ha confermato la raccomandazione outperform e il prezzo obiettivo a 1,3 euro in attesa dell’incontro tra il ministro dello sviluppo economico, Carlo Calenda, e l’a.d. Amos Genish. S.Ferragamo (-2,84% a 22,61 euro) è stata invece penalizzata dal downgrade di Hsbc, che ha ridotto la valutazione del titolo a hold, con il target price in calo da 29 a 24 euro.

Tra i bancari hanno prevalso le vendite su Bper (-3,94%), Ubi B. (-3%), Banco Bpm (-2,21%) e Unicredit (-1,02%), mentre hanno chiuso sopra la parità Mediobanca (+0,05%) e Intesa Sanpaolo (+1,04%). Bene anche Azimut H. (+0,76%).

Nel resto del listino in luce Ovs (+1,75%) grazie ai buoni risultati dei primi nove mesi. Su Exprivia (+1,07% a 1,516 euro) Banca Akros ha alzato il rating a accumulate con l’obiettivo a 1,7 euro. In gran spolvero Falck R. (+6,14%) dopo il miglioramento di alcuni obiettivi del piano strategico.

Nei cambi, l’euro è terminato sotto 1,18 dollari a 1,1727. Il cambio con lo yen è stato fissato a 133,35. Per le materie prime, quotazioni petrolifere in discesa dopo la recente corsa, con il Brent sul filo di 64 dollari (-70 centesimi) e il Wti a 57,44 (-55 cent). Continua la flessione dell’oro, che lasciava sul terreno 8 dollari a 1.237.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il management di Mediobanca confeziona una trimestrale con 200 milioni di utile netto, meno di un an...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Nessun rilancio sul prezzo, ma un impianto complessivamente più flessibile e con qualche passo avan...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le recenti modifiche apportate alla legge 130/1999 (disposizioni sulle cartolarizzazioni dei crediti...

Oggi sulla stampa