Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Vicenza, più perdite per maxi-svalutazioni

Nuove svalutazioni su avviamenti pesano sui conti di Popolare di Vicenza. L’istituto veneto ha effettuato impairment supplementari per 370 milioni di euro, che portano la perdita del 2014 a 758 milioni di euro. Il dato finale è quindi superiore al rosso da 497 milioni di euro annunciato lo scorso 11 febbraio. Un approccio «ancor più prudenziale», spiega la banca in una nota, che porta a una svalutazione complessiva degli avviamenti del 65%, per un importo di 600 milioni di euro.
Ma la banca, che ieri ha approvato i risultati definitivi sullo scorso anno, ha comunicato anche i requisiti prudenziali minimi richiesti dalla Banca centrale europea in termini patrimoniali. Nel dettaglio, Francoforte ha imposto alla banca veneta un Cet 1 ratio all’11% – il dato più alto tra tutti quelli comunicati ad oggi dalle banche italiane, che però potrebbe ridursi nei prossimi mesi – e un Total Capital Ratio di pari livello (a decorrere dal 31 luglio 2015).
La banca ha superato entrambe le asticelle della Bce “pro forma”. A fine 2014, il Cet 1 ratio di Vicenza si è attestato all’11,34 per cento. Un risultato a cui contribuisce in maniera decisiva il prestito obbligazionario da 253 milioni di euro che sarà convertito il prossimo 29 maggio, al netto del quale il Cet 1 ratio si troverebbe al 10,44%. In termini di Total capital, il ratio della banca è al 12,49. I dati sono in termini transitional.
Tuttavia, sottolineava ieri la banca in una nota, la Bce «ha comunicato che il requisito minimo di Cet1 ratio potrebbe essere ridotto». Tutto dipenderà dalla valutazione che la Bce farà «in ordine al recepimento nel bilancio consolidato 2014 degli esiti dell’analisi della qualità degli attivi». Secondo la banca, «anche sulla base dell’interlocuzione in corso con la Bce », tale riduzione «sarà comunicata verosimilmente in prossimità dell’assemblea dei Soci prevista per il prossimo mese di aprile».
Entro il primo trimestre dell’anno, infine, l’istituto conta di approvare un nuovo piano industriale triennale.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Ai tempi delle grandi manifestazioni contro la stretta cinese, le file degli studenti di Hong Kong a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

L’ingresso nel tempio della finanza tradizionale pompa benzina nel motore del Bitcoin. Lo sbarco s...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

L’Internet super-veloce e la fibra ottica sono un diritto fondamentale, costituzionale, che va ass...

Oggi sulla stampa