Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Vicentina, Mion sarà presidente

Per avviare la ristrutturazione di Popolare di Vicenza il Fondo Atlante schiera un nuovo board ridotto a 11 dagli attuali 18 consiglieri e di alto profilo. Il rilancio passa dalla totale discontinuità, come annunciato da Quaestio sgr, gestore del fondo, a cominciare dell’azione di responsabilità contro i vecchi vertici dell’istituto. Inoltre sono stati dimezzati i compensi dei consiglieri e si studieranno «modalità opportune» per far «beneficiare in modo equo dell’auspicato rilancio» gli azionisti storici che hanno perso quasi tutto. Un esempio sono i warrant offerti dal Banco Ambrosiano ai vecchi soci travolti dal crac.

Il rilancio si sostanzierà anche in un intervento sui crediti deteriorati, che Quaestio proporrà al consiglio. Tra le ipotesi, la creazione di bad bank interna da scindere a favore dei soci, ovvero dello stesso Atlante, sul modello di quanto effettuato da Fca con Ferrari. È uno schema proposto nei giorni scorsi dagli analisti di Equita. Il fondo potrebbe poi avviare operazioni sulle sofferenze, facendo leva sui capitali non ancora investiti (1,7 miliardi se il fondo sottoscriverà per intero l’aumento di Veneto Banca).

La sgr presieduta da Alessandro Penati all’assemblea di PopVi del 7 luglio approverà, avendo Atlante il 99,3%, il board che sostituisce quello guidato da Stefano Dolcetta. Il criteri per la selezione, specifica Quaestio, sono stati quelli «fit and proper» della direttiva europea sulle banche (Crd4) non ancora recepita in Italia. Alla presidenza andrà Gianni Mion, uomo forte della holding dei Benetton; vicepresidente Salvatore Bragantini, già commissario Consob; restano confermati il nuovo ceo Francesco Iorio e Alessandro Pansa, ex Finmeccanica. Entrano Niccolò Abriani, Luigi Arturo Bianchi, Carlo Carraro, Marco Bolgiani, Rosa Cipriotti, Massimo Ferrari, Francesco Micheli. I sindaci sono Rosalba Casiraghi, Nadia Fontana e Marco Giorgino. Intanto i sindacati Fabi, First-Cisl, Fisac-Cgil, Uilca, Sinfub, Ugl, Unisin hanno protestato contro Penati, definito «il Messia», per aver indicato tra i responsabili delle crisi delle banche anche i bancari.

Sul fronte Veneto Banca invece ieri un board straordinario ha indicato il presidente Stefano Ambrosini come nuovo presidente di Bim. Insieme con Mia Callegari sostituisce i dimissionari Cristiano Carrus (dg di Veneto Banca) e Giuseppina Rodighiero. Veneto Banca vuole stringere il controllo su una controllata strategica in una fase delicata come l’aumento da 1 miliardo ed evitare rischi anche di immagine, come è emerso con la vicenda dei conti segreti a Panama .

Fabrizio Massaro

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un voluminoso dossier, quasi 100 pagine, per l’offerta sull’88% di Aspi. Il documento verrà ana...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La ripresa dell’economia americana è così vigorosa che resuscita una paura quasi dimenticata: l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora prima che l’offerta di Cdp e dei fondi per l’88% di Autostrade per l’Italia arrivi sul ...

Oggi sulla stampa