Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Via libera Ue alla Legge di stabilità

Il collegio dei commissari – che come per ogni sessione parlamentare si riunisce una volta al mese qui a Strasburgo – ha dato ieri il suo benestare al bilancio previsionale italiano per il 2015, senza chiedere ulteriori misure di riduzione del deficit pubblico. La decisione era prevista, dopo che a livello tecnico vi era già stato il via libera nel fine settimana. L’opinione sulla Finanziaria dell’anno prossimo, che verrà pubblicata venerdì, noterà tuttavia i rischi legati al debito elevato.
«Per quanto riguarda l’Italia, la discussione è stata facile, non vi sono stati problemi particolari», ha detto ieri sera un responsabile comunitario. «È stata valutata in modo positivo la volontà di riforma» espressa dal paese, e in particolare in una lettera che il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan ha inviato la settimana scorsa a Bruxelles, elencando le misure di modernizzazione dell’economia adottate e da adottare (si veda Il Sole/24 Ore del 20 novembre). Un nuovo esame avverrà in marzo.
La discussione tra i commissari sarebbe invece stata più lunga per quanto riguarda la Francia, il cui deficit rimarrà sopra al 3,0% del prodotto interno lordo anche nel 2015. La volontà di riforma del paese non convince una parte dell’establishment europeo. Dopo molti tira-e-molla al suo interno e con diverse capitali, la Commissione ha optato per dare il beneficio del dubbio ai paesi con evidenti difficoltà a rispettare gli impegni sul fronte delle finanze pubbliche a causa della crisi economica.
In questo momento, c’è l’evidente desiderio di Bruxelles di sostenere la crescita economica, evitare tensioni politiche, facilitare le riforme strutturali. L’esecutivo comunitario presenterà le opinioni sui bilanci nazionali venerdì. Con l’occasione, la Commissione non mancherà di sottolineare i rischi che intravede nelle Finanziarie dell’anno prossimo, in particolare l’elevato debito pubblico italiano, ritenuto uno squilibrio macroeconomico eccessivo per il quale il paese è sotto esame.
In un primo tempo, le opinioni sarebbero dovute essere associate a un rapporto su come utilizzare pienamente la flessibilità di interpretazione delle regole di bilancio in un contesto macroeconomico molto fragile. «Il documento è stato rinviato al 2015 – ha precisato il responsabile comunitario – per evitare un effetto ingorgo». Oltre alle opinioni sui bilanci previste venerdì, oggi la Commissione europea pubblicherà anche l’atteso piano di investimenti da 300 miliardi di euro.
Proprio quest’ultimo dovrebbe prevedere che gli eventuali contributi nazionali al nuovo Fondo europeo per gli investimenti strategici (Efsi) vengano detratti dal calcolo del deficit, come è avvenuto per i contributi nazionali al Meccanismo europeo di stabilità. «Eventualmente questo mancato computo potrebbe replicarsi» in altri ambiti più generali, notava ieri sera il responsabile comunitario, consapevole tuttavia degli stringenti limiti derivanti dai Trattati.
È possibile che nelle sue opinioni la Commissione possa chiedere ad alcuni paesi, come la Germania o l’Olanda, di fare nuovi sforzi per sostenere l’economia. Più in generale, i paesi più a rischio di non rispettare il Patto di Stabilità e di Crescita hanno guadagnato tempo fino a marzo, quando la Commissione tornerà a valutare crescita della congiuntura, risanamento dei bilanci e riforme dell’economia. Sull’Italia continua a pesare la minaccia di una procedura per squilibrio macroeconomico eccessivo.
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

ROMA — Un’esigenza comune percorre l’Europa investita dalla seconda ondata del Covid-19. Mai c...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

ROMA — L’Italia è pronta ad alzare le difese, e si allinea con l’Unione europea, nei confront...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

MILANO — Nel giorno in cui il consiglio di Atlantia ha deliberato il percorso per uscire da Aspi, ...

Oggi sulla stampa