Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Via libera alla Marzano per Valtur

di Mara Monti

Via libera all'amministrazione straordinaria per il gruppo turistico Valtur concessa dal ministero dello Sviluppo economico. In concomitanza sono stati nominati anche i commissari straordinari Stefano Coen, Andrea Gemma e Daniele Discepolo quest'ultimo già commissario della compagnia aerea Livingston. Lo si apprende da una nota divulgata dalla famiglia Patti, dal 1988 azionista di maggioranza del gruppo. Valtur aveva presentato la domanda di ammissione alla Marzano la settimana scorsa e con il via libera potranno essere assicurati la continuità aziendale e la salvaguardia dei livelli occupazionali. Per abbattere l'indebitamento finanziario, che ammonta a oltre 300 milioni, il piano prevede la dismissione di immobili «non core» e villaggi che possono essere utilizzati in locazione per oltre 110 milioni di euro, e un aumento di capitale fra i 30 e i 50 milioni di euro.

Valtur è proprietaria di 22 villaggi tra Italia ed estero e nell'ultimo esercizio ha registrato un fatturato di circa 200 milioni. Le passività ammontano a 62 milioni di euro verso le banche, 85 verso i fornitori e 96 nei confronti dell'Erario e Istituti di Previdenza. Sul gruppo hanno pesato sia la grave crisi del settore turistico iniziata nel 2008 sia, nel corso di quest'anno, la particolare situazione congiunturale e l'inaspettata crisi dei Paesi del Maghreb. A peggiorare la situazione ha contribuito inoltre il dilungarsi delle trattative per le dismissioni degli immobili «non core» che erano state previste nel primo semestre di quest'anno. Nelle settimane scorse era stata indicata anche l'ipotesi di un cavaliere bianco. Il nome indicato era quello di Invitalia, il fondo per il salvataggio e la ristrutturazione delle imprese in difficoltà che fa capo al Governo. In tal senso contatti con la presidenza del consiglio e il ministero dello Sviluppo erano stati avviati per studiare questa opzione. Per il commissario Discepolo si tratta di una doppia partita che si aggiunge a quella su Livingston dopo il via libera non vincolante alla proposta di Rt srl di Riccardo Toto: la palla infatti ora è nelle mani del ministero per lo Sviluppo economico Paolo Romani che deve decidere a chi andrà il vettore. Air Italy, infatti, la cui offerta è stata scartata, non ci sta e minaccia di fare causa. La partita Livingston è centrale per il futuro del trasporto aereo in Italia. Nel progetto di Air Italy ci sarebbe infatti la costituzione di un gruppo aereo insieme all'Aga Khan dove fare confluire anche Meridiana.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Contro le previsioni, anche il fondo Bluebell avrebbe raggiunto la soglia minima del capitale Mediob...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Doppio cda, per rispondere al governo. Oggi si riunirà prima Aspi, poi Atlantia. Non è detto che l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

llimity Bank ha finalizzato due nuove operazioni nel segmento 'senior financing' per un ammontare co...

Oggi sulla stampa