Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Via dall ’Italia 700 imprese

Settecento imprese hanno trasferito all’estero tra il 2015 e il 2017 attività o funzioni. Sono il 3,3% delle grandi e medie aziende: dieci anni fa, tra il 2001 e il 2006, la quota era decisamente più alta, il 13,4%. Chi trasferisce all’estero funzioni aziendali, rileva l’Istat, lo fa prevalentemente per ridurre il costo del lavoro, mentre solo il 38% lo fa per accedere a nuovi mercati. A incidere su questo calo significativo non è solo il costo del lavoro, che magari negli anni è cresciuto anche nei Paesi che presentavano maggiori vantaggi, ma anche un diverso atteggiamento delle imprese italiane, sostiene Andrea Montanino, capo economista di Confindustria: «Negli ultimi dieci anni c’è stato un upgrading qualitativo dei prodotti, per cui le imprese italiane competono sempre meno sul prezzo, e sempre più sulla qualità, che spesso si fonda su fattori importanti che esistono solo in Italia, e su ecosistemi costituiti da filiere di aziende. Non è successo solo in Italia, ma in tutta Europa: le aziende hanno trovato maggiori punti di forza al loro interno». Infatti, conferma l’Istat, la quota delle imprese UE che trasferiscono all’estero attività o funzioni è passata dal 16% del 2001-2006 al 3% del 2015-2017, un calo ancora più significativo di quello italiano.
Chi è andato via però non ritorna: a farlo è solo lo 0,9% delle imprese, segno che le politiche di rientro varate dai vari governi funzionano poco, per i “cervelli” come per le aziende. «Delocalizzare è una scelta di lungo periodo, e non è contingente a un qualche vantaggio del momento », osserva Montanino. Infatti per prendere in considerazione il rientro le imprese chiedono cambiamenti strutturali, a cominciare da una riduzione della pressione fiscale (84,5%), politiche per il lavoro (79%) e ricerca e sviluppo (70,9%).
Chi ha scelto di delocalizzare negli anni più recenti ha scelto soprattutto Paesi Ue, mentre tra i Paesi extra Ue spiccano India, Usa, Canada e Cina, che offrono un numero elevato di potenziali consumatori.
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

La Commissione europea ha avviato un’indagine formale antitrust per valutare se l’uso di Amazon ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Nessuna esenzione per l'imposta di bollo dovuta dalle start up innovative e dagli incubatori certifi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La questione del big data, ossia dell’uso dei dati di mercato da parte delle imprese, soprattutto ...

Oggi sulla stampa