Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Via alla fatturazione elettronica tra privati

Il percorso è destinato a concludersi tra un biennio, nel 2017. È la «lunga marcia» prevista per la fatturazione elettronica tra privati a seguito dell’entrata in vigore, due giorni fa, del Decreto legislativo 127/2015. All’obbligatorietà della fatturazione elettronica nei confronti della Pubblica Amministrazione si aggiunge, ora, quella opzionale tra le imprese che presenta una serie di vantaggi ma anche qualche intoppo applicativo. 
I soggetti interessati da questa opzione, secondo una stima della Fondazione Studi dei Consulenti del lavoro, sono circa 7 milioni fra imprese e privati. Tutto nasce con l’obiettivo dichiarato della semplificazione oltre che di una più efficace lotta all’evasione fiscale. I privati interessati alla fatturazione elettronica dovranno, per il momento, appoggiarsi ad un intermediario abilitato a generare tramite software il documento contabile. L’Agenzia delle Entrate metterà a disposizione gratuitamente, dal prossimo 1 luglio 2016, un servizio per la generazione, trasmissione e conservazione delle fatture elettroniche. Dal 1 gennaio 2017, invece, la stessa Agenzia metterà a disposizione anche il Sistema di Interscambio per permettere, sempre in via facoltativa, l’invio dei dati di tutte le fatture emesse e ricevute, ivi comprese le relative variazioni.
Un ostacolo al fluido funzionamento del meccanismo però potrebbe essere rappresentato dal supporto tecnologico. La fatturazione elettronica infatti è un nuovo metodo per certificare la transazione tra imprese e privati. Trattandosi, però, di un adempimento on line bisogna fare i conti con la tecnologia. Internet, wi-fi e banda larga, eccezion fatta per le città ed i grandi centri, non sono garantiti su tutto il territorio nazionale. O almeno non a tutti alla stessa velocità. Indicativi, in tal senso, i flussi Entratel e le difficoltà di accesso ai server centrali nei momenti di carico e ingorgo di ingressi. A queste complessità bisogna aggiungere la macchinosità nell’elaborazione e, soprattutto, nella conservazione delle documentazioni in modalità telematica. Il timore dei professionisti del settore, quindi, è che il metodo sia all’avanguardia ma il supporto ancora no.
In compenso la fatturazione elettronica tra privati prevede un sistema premiale e una serie di vantaggi e incentivi. Per i soggetti che sceglieranno di avvalersi della fatturazione elettronica, infatti, verranno meno una serie di adempimenti amministrativi come lo «spesometro», la comunicazione delle operazioni con i Paesi «black list», gli elenchi Intrastat servizi. Beneficeranno, inoltre, di rimborsi Iva più veloci che dovranno essere effettuati entro tre mesi dalla presentazione della dichiarazione. E per i commercianti al dettaglio verranno meno gli obblighi di emissione dello scontrino o della ricevuta fiscale e di registrazione dei corrispettivi. Una piccola rivoluzione copernicana su cui aleggia qualche nube.Due anni di tempo per capire se l’elettronica sarà davvero in grado di mandare in pensione la vecchia fattura cartacea.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non è stata una valanga di adesioni, ma c’è tempo fino a domani per consegnare le azioni Creval ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un altro passo avanti su Open Fiber, la rete oggi controllata alla pari 50% da Cdp e Enel, per accel...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il «passaggio di luglio» con la fine del blocco dei licenziamenti per le imprese dotate di ammorti...

Oggi sulla stampa