Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Veto dell’Italia sulla Tobin Tax Ue

È rimasto sottotraccia, silenziato dallo stesso potenziale destabilizzante del tema. Ma si tratta dello scontro politico più serio che l’Italia affronta da tempo con la Germania, perché riguarda un interesse vitale: il funzionamento del mercato dei titoli di Stato e l’impatto che può avere sulla sostenibilità del debito italiano la tassa sugli scambi finanziari, la cosiddetta Tobin Tax in preparazione in Europa.
È per questo che stavolta la posizione del governo italiano a Bruxelles è diventata immediatamente chiara: veto sulla Tobin Tax europea, in alleanza con la Spagna (e forse la Francia), e in opposizione molto irritata nei confronti della Germania.
La tassa sugli scambi finanziari, voluta da Angela Merkel a Berlino e François Hollande a Parigi, nasce per dimostrare che anche la finanza paga nella grande recessione. Il messaggio attrae tutti i governi. Anche quello di Mario Monti, che ha introdotto una Tobin tax in anticipo sull’accordo europeo ma insieme alla Francia. La differenza si trova però in un dettaglio determinante: la versione europea della Tobin Tax prevede di tassare allo 0,1% del valore nominale tutti i titoli, ad ogni scambio. Inclusi i titoli di Stato, che nella versione italo-francese sono invece esentati. Nella proposta europea un’eccezione è prevista solo per i derivati, per i quali il prelievo è indicato allo 0,01%.
Secondo le stime di vari governi (ma non della Germania, né della Commissione europea), quel prelievo sulle transazioni su Bot, Btp o Ctz ridurrebbe del 90% la liquidità sul mercato del debito italiano subito dopo il primo collocamento dei bond da parte del Tesoro. Gli spread non potrebbero che salire ancora, con ricadute sul debito e sulla situazione generale dell’economia. Non solo: per non pagare la tassa, gli investitori potrebbero voler tenere i bond fino alla scadenza e sarebbero così spinti a investire in titoli a scadenza ravvicinata. La vita media del debito si accorcerebbe, il rifinanziamento del Tesoro si farebbe più pressante.
La Tobin Tax che si sta costruendo in Europa non riguarda tutti i Paesi ma è una «cooperazione rafforzata» fra gli undici che sono disposti a procedere: fra loro, oltre a Italia e Germania, anche Spagna, Francia, Grecia, Belgio e Austria. Due mesi fa la Commissione europea ha presentato la sua proposta, ispirata alle indicazione arrivate da Berlino: tassa su tutti i titoli finanziari, indipendentemente dall’impatto che può avere sulla liquidità e sugli «spread» nell’Europa del Sud. Il mercato dei Bund tedeschi non ne soffrirebbe, ma secondo alcuni osservatori anche la piattaforma dei derivati a Francoforte sarebbe paralizzata.
La partita, nel silenzio ufficiale, è aperta. E dipenderà dalla capacità dell’Italia di mantenere quasi da sola un veto in Europa. Con un governo dimissionario, contro Angela Merkel.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Vasto entusiasmo ha suscitato la recente pronunzia della Corte di Giustia Ue, con la conferma del gi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ha scelto la giornata delle donne Mario Draghi per il suo secondo discorso pubblico da presidente de...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le obbligazioni assunte nell’esercizio dell’attività d’impresa o professionale, per «nozione...

Oggi sulla stampa