Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Vertici Alitalia Conte scommette su Caio e Lazzerini

ROMA — Si sblocca il dossier Alitalia. Il governo nomina i vertici della newco, la nuova società che dovrà rilanciare la compagnia di bandiera: Fabio Lazzerini come amministratore delegato e Francesco Caio in qualità di presidente. Fatta la governance, ora tocca al piano industriale. «Il nuovo vertice ci lavorerà da subito, con gli advisor già individuati dal ministero dell’Economia», scrive su Facebook il premier Giuseppe Conte. «Il piano sarà poi notificato alla Commissione europea». Soddisfatta la ministra dei Trasporti Paola De Micheli: «Inizia una nuova era per una nuova grande compagnia, come merita questo Paese». Così anche Stafano Patuanelli, ministro dello Sviluppo Economico: «Ora Alitalia ha l’occasione per rialzarsi».
La nuova società pubblica riporta dunque, dopo oltre 3 anni di amministrazione straordinaria, Alitalia nelle mani dello Stato, dalle quali era stata sfilata nel 2009 dai Capitani coraggiosi. Avrà una dotazione di 3 miliardi e una flotta di oltre 100 aerei. «In questi giorni abbiamo lavorato al dossier Alitalia in modo da procedere rapidamente alla sottoscrizione della nuova società tramite un decreto proposto dal ministro Gualtieri e cofirmato dai ministri De Micheli, Patuanelli e Catalfo», rivela Conte. «Abbiamo condiviso le linee guida che orienteranno il piano industriale per affrontare le complesse sfide del mercato dei trasporti aerei post-Covid 19». Il piano industriale sarà in «assoluta discontinuità con i precedenti modelli », aggiunge la ministra De Micheli. E metterà in grado Alitalia di «contribuire alla ripresa economica del Paese e competere sul mercato internazionale».
I sindacati però sono scettici: temono esuberi per 4-5 mila lavoratori. In una lettera inviata proprio ieri alla compagnia, Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Ugl Trasporto aereo denunciano «forti criticità», bollano la strategia di ripresa post- lockdown come «lenta, commercialmente fallace, dannosa per l’immagine della compagnia» e chiedono «con estrema urgenza un tavolo di confronto e poi una cabina di regia permanente per l’attuazione e la verifica costante delle soluzioni individuate». Questa mattina Usb Lavoro privato terrà un presidio presso la sede del ministero dei Trasporti a cui parteciperanno lavoratori e precari di Alitalia e Cityliner.
Quanto al ticket di manager nominati ieri, Fabio Lazzerini è una soluzione interna. Il bocconiano, classe 1964, è stato dal luglio 2013 al settembre 2017 amministratore delegato e direttore generale di Emirates per poi approdare in Alitalia prima come Chief commercial officer e poi come Chief business officer. Francesco Caio, ingegnere napoletano classe 1957, è manager di lungo corso: già in Omnitel, poi ad di Poste dal 2014 al 2017 e presidente del cda di Saipem dal maggio 2018.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Al via l ’alleanza con la piattaforma Fabrick per offrire alle banche le gestioni patrimoniali. ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

L’Europa scommette sull’idrogeno per centrare gli obiettivi climatici del Green deal. La rivoluz...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

È partita ieri l'offerta pubblica di scambio volontaria (Ops) promossa da Intesa Sanpaolo sulla tot...

Oggi sulla stampa