Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Verso il voto il 24 febbraio

ROMA — Al presidente della Repubblica per licenziare le Camere e fissare le elezioni non resta che l’ultimo tassello: l’approvazione della legge di Stabilità. E con il governo che chiederà al Senato di anticiparne l’esame a mercoledì prossimo, Giorgio Napolitano è pronto a tempi strettissimi: scioglimento del Parlamento entro il 20 gennaio e alle urne il 17 o 24 febbraio (poco probabile che si riesca il 10).
La crisi corre, con molte preoccupazioni per il capo dello Stato. A cominciare dall’attesa per le reazioni dei mercati, che riaprono oggi, alle annunciate dimissioni di Mario Monti: «Vedremo come reagiranno », dice prudente l’inquilino del Colle. Che segue con apprensione gli eventi ma che per le dichiarazioni pubbliche su quel che è successo si prende ancora qualche giorno. Al ricevimento per il tradizionale concerto di Natale, nella Cappella Paolina del Quirinale, discute a quattr’occhi con Gianni Letta ma si sottrae al pressing dei cronisti: «Parlerò solo tra otto giorni alla cerimonia per i saluti alle alte cariche dello Stato e lì farò le mie valutazioni».
A quel punto, tempistica e sbocchi della crisi dovrebbero uscire definitivamente dalla nebbia. In base alla richiesta del governo alla conferenza dei capigruppo di anticipare i tempi (fissati in origine dal 18 al 21 dicembre), Palazzo Madama potrebbe approvare la manovra di bilancio già giovedì prossimo. La Camera dare il sì definitivo entro la settimana. E il capo dello Stato annunciare lo scioglimento prima di Natale.
Per votare quando? Ci saranno di mezzo le festività, le necessità organizzative del ministero degli Interni, i giorni utili per far raccogliere le firme anche a quanti (per esempio Grillo) si presentano per la prima volta, e la consuetudine che quantifica in due mesi il tempo necessario per tutto ciò. Si arriva a conti fatti all’ultima o alla penultima domenica di febbraio.
Con una rassicurazione dal capo dello Stato: «Facciamo quello che dobbiamo fare fino all’ultimo giorno». Come a dire che le sue ipotizzate dimissioni anticipate a marzo non sono scontate. Anzi, nel nuovo calendario con elezioni a febbraio scompare di fatto l’ “ingorgo istituzionale”. Con elezioni ad aprile infatti Napolitano si sarebbe ritrovato ad affidare l’incarico al nuovo premier a ridosso dall’avvio della partita per il successore al Quirinale.
Cambiata la tempistica, si azzera anche il rischio di “sovrapposizione istituzionale” che avrebbe spinto Napolitano a uscire prima di scena per lasciare nelle mani del suo successore l’intero iter di nomina del futuro governo. A questo punto, la decisione di lasciare prima il Colle diventerà unicamente una sua scelta personale, libero dal peso dei condizionamenti. E conterà molto sulla sua opzione anche l’esito del voto, perché farà la differenza se le urne consegneranno all’inquilino del Quirinale un risultato chiaro e netto, o al contrario incerto e confuso.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Siamo certamente partiti con il piede giusto». Carlos Tavares, amministratore delegato di Stellan...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«L’intervento del Pnrr si colloca nel solco degli sfidanti obiettivi definiti in sede europea e n...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Squadre di lavoro ad hoc per asili e i nuovi “ospedali di comunità”. Si avvia la fase operativa...

Oggi sulla stampa