Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Versamenti, il mini rinvio beffa

Il mini rinvio dei versamenti al fotofinish. Come è ormai tradizione ieri sera il ministero dell’economia delle finanze ha diffuso una nota in cui anticipa gli effetti del dpcm di proroga dei versamenti di giugno. Lo slittamento arriva a poco più di 24 ore dalla scadenza del 30 giugno e riguarda i soggetti Isa e forfettari che potranno rinviare (laddove dato il poco tempo non l’abbiano già fatto) il versamento e il saldo degli F24 al 20 luglio senza il pagamento di sanzioni o al 20 agosto pagando con una maggiorazione dello 0.40%. L’ufficializzazione del rinvio, per quanto fosse dato per certo dagli intermediari, è necessaria per consentire eventualmente di riprogrammare il calendario fiscale già molto complicato per le attività degli studi. Fino a fine luglio sono previste 263 scadenze e nelle scorse settimane si era chiesta una proroga di più ampio respiro. Nella nota si precisa che «per tener conto dell’impatto che l’emergenza Covid-19 ha avuto anche quest’anno sull’operatività dei contribuenti di minori dimensioni e dei loro intermediari, è stato adottato un dpcm che proroga il termine di versamento del saldo 2020 e del primo acconto 2021 ai fini delle imposte sui redditi e dell’Iva». Il decreto era pronto ed è rimasto fermo sulla scrivania del ministro dell’economia Daniele Franco fino all’ultimo momento utile a una comunicazione che non fosse di rimessione in termini e cioè a scadenza avvenuta. La proroga con questa modalità arriva comunque sui nervi già provati dei professionisti. Venerdì 25 giugno alle 20 l’Agenzia ha diramato, a termini per le correzioni già superati, la circolare di 539 pagine con le istruzioni per la compilazione della dichiarazione dei redditi e in particolare del 730. Ieri sul punto l’Associazione nazionale commercialisti ha evidenziato la situazione non proprio rosea. I professionisti «sono costretti troppe volte a fare i conti con i ritardi della pubblica amministrazione, questa volta però l’Agenzia delle entrate con la circolare del 25 giugno è riuscita a superare il limite». Per Anc questa pubblicazione «avviene in totale spregio del lavoro dei professionisti, i cui studi, in questi mesi, sono sottoposti a un carico di lavoro abnorme, e anziché poter fare affidamento su informazioni chiare e tempestive, devono scontare i ritardi cronici di una Pubblica amministrazione del tutto incurante delle conseguenze che i suoi ritardi determinano». Fa eco il senatore FdI, Andrea De Bertoldi: «Credo si debbano rispettare i contribuenti e i loro professionisti garantendo certezze e possibilità di valutazione tempestive nell’ottica della programmazione economica».

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Carlos Tavares sorprende il mercato e, in un momento non facile per l’auto, migliora in misura si...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Nexi e Alpha Services and Holdings, capogruppo della greca Alpha Bank, hanno avviato una partnershi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Senza infamia, ma anche senza lode. Il mondo della banche italiane esce sostanzialmente indenne dai...

Oggi sulla stampa