Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Veneto Banca perde 1,5 miliardi per i crediti Ue studia ok ad aumento

Veneto Banca archivia un 2016 di strenua pulizia dei vecchi crediti – con 1,3 miliardi di rettifiche e 1,5 di perdita netta – e di calo dei depositi, per una raccolta diretta scesa del 17,8%. Ma nel giorno dei numeri rossi a Bruxelles i dirigenti di Tesoro e Bankitalia riescono a incassare il disco verde per avviare il tavolo che «nelle prossime settimane», dice un portavoce della Commissione, possa autorizzare la ricapitalizzazione di Stato “precauzionale” – versione morbida del bail in – per l’ex popolare di Montebelluna, in asse con la Popolare di Vicenza.
Proprio nel giorno in cui il cda esaminava i conti d’esercizio a Bruxelles s’è formato il tavolo tra l’antitrust Ue, la vigilanza Bce, il Tesoro e Bankitalia per vagliare la praticabilità dell’opzione chiesta il 18 marzo dalle due banche. Il tavolo – e non era scontato – è stato fatto partire una volta attribuito il prerequisito della “solvibilità” alle due banche, e con la disponibilità a definirne contenuti e dettagli: disponibilità che potrebbe formalizzarsi a ore con la lettera Bce sul deficit patrimoniale dei due gruppi; le stime dei manager guidati da Fabrizio Viola sono di 4,7 miliardi, potrebbe servire qualcosa in più. «Su Vicenza e Veneto Banca sono in corso discussioni costruttive con l’obiettivo di arrivare a una soluzione comune che sia efficiente, sostenibile e nell’interesse della stabilità finanziaria. Siamo fiduciosi che possa essere trovata nelle prossime settimane», ha detto un portavoce della Commissione. A Roma fonti del Tesoro hanno aggiunto: «La riunione è stata molto costruttiva e c’è fiducia che si possano affrontare rapidamente tutti i nodi legati all’applicazione di nuove norme».
Sul fronte conti molto fanno le rettifiche su crediti e altri attivi (1,29 miliardi, +58,7%) e gli accantonamenti rischi e oneri legali, triplicati a 433 milioni. Numeri non peggiori a quelli dei vicentini, che nel 2016 perdono 1,9 miliardi. Il rosso operativo di Veneto Banca è 177 milioni, per il calo di ricavi e masse gestite (-17,8% a 20 miliardi solo la raccolta diretta). Così a Montebelluna il patrimonio è sceso all’8,06% di Cet1, sotto l’8,75% di soglia minima chiesta da Bce. E per puntellare la liquidità dopo «ulteriori segnali di flessione della raccolta commerciale a marzo » la banca, dopo i 3,5 miliardi di bond garantiti dal Tesoro di febbraio, ha emesso a marzo un altro bond da 1,4 miliardi.

Andrea Greco

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

La Francia continua a essere apripista per il riconoscimento economico dei contenuti di informazione...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Si avvicina il giorno in cui Monte dei Paschi dovrà dire alla vigilanza di Francoforte e al mercato...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Sul Recovery Plan non esiste un caso Italia, ma un’interlocuzione molto positiva con la Commissi...

Oggi sulla stampa