Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Valutazione ambientale: chiuso un parere su due, 364 in attesa

Non si era mai visto un report completo sui numeri che riguardano l’attività della commissione di valutazione di impatto ambientale (Via) che opera al ministero della Transizione ecologica. Certamente sarà merito del neoministro Roberto Cingolani che non ha mai nascosto di voler fare dell’accelerazione procedurale e della trasparenza la principale missione e battaglia (anche interna al ministero) del suo mandato. Non è un caso però che i numeri vengano fuori proprio quando la commissione Via è al centro del furioso combattimento sul decreto semplificazioni che la prossima settimana dovrebbe approdare al Consiglio dei ministri. Uno degli aspetti in discussione è proprio se l’attuale commissione Via debba lasciare a una nuova commissione speciale costituita ad hoc la valutazione di tutti i progetti del Recovery Plan.

I numeri in queste ore sono stati consegnati a Palazzo Chigi e inevitabilmente entrano nella partita. Riguardano le istruttorie di Via (valutazione impatto ambientale) e di Vas (valutazione ambientale strategica). Dimostrano che c’è stata un’accelerazione negli ultimi mesi sulle istruttorie concluse ma che comunque sono ancora in attesa di una risposta 364 istruttorie. Meno del picco dei mesi scorsi, ma certamente restano un numero abnorme.

Vediamo i dettagli. La commissione guidata ora da Massimiliano Atelli si è insediata undici mesi fa e infatti il report traccia un bilancio del lavoro dal 25 maggio 2020 al 5 maggio 2021. Quando si insediò, la commissione ereditò 217 pratiche dalla precedente commissione. Non così tante se è vero che negli ultimi undici mesi le istruttorie di nuova assegnazione sono state 512.

Totale delle proposte passate all’esame della commissione in questo periodo: 729. Tra queste 21 di cui nulla si dice se non che sono state «archiviate».

Le pratiche arrivate a conclusione sono il 50% di quelle gestite: 365 precisamente, 330 Via, 14 Vas più le 21 archiviate. Per due pratiche arrivate sul tavolo della commissione, una ha visto conclusa l’istruttoria.

Meglio precisare che non stiamo però parlando di pareri conclusivi del procedimento perché le istruttorie possono riguardare varie fasi di verifica di un’opera: assoggettibilità alla Via, varianti, verifiche di ottempereranza e attuazione, scoping (verifica preliminare), pareri tecnici. In altre parole, non stiamo parlando di 365 cantieri che si aprono o progetti che arrivano al traguardo autorizzatorio.

Il 50% di risultato non è un record di efficienza amministrativa, ma in passato si è andati più lenti e si sono raggiunti picchi di giacenza che hanno sfiorato i 600 progetti, proprio per le difficoltà della commissione a mettersi in moto. Infatti il documento di otto pagine con intestazione Ministero della Transizione ecologica ricorda nella parte conclusiva che «nel corso del secondo semestre 2020, l’attuale commissione ha concluso 188 istruttorie,mentre nel solo primo quadrimestre del 2021 ha concluso 155 istruttorie». Ecco l’accelerazione.

Delle pratiche restanti all’esame della commissione, 364 come si diceva, 352 sono di Via e 12 di Vas. Il report della commissione precisa che «nessuna è in attesa di trattazione». Sempre con l’occhio al Dl semplificazione, un altro rilievo: «Dal maggio 2020 l’attuale commissione opera senza più l’ausilio del supporto istruttorio previsto per legge, che dovrebbe esserle assicurato (…)- da Ispra. In concreto, in undici mesi, sulle 729 istruttorie complessivamente gestite ha avuto supporto istruttorio solo in 22 casi».

Il tema delle strutture tecniche e di ausilio da potenziare è un altro dei temi che dovrebbe trovare soluzioni con il decreto semplificazioni o un altro provvedimento collegato al Pnrr.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

La Cina cresce, ma continua a farlo a passo molto più lento del previsto. Archiviato lo strabilian...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Quota 102 come erede, per un periodo transitorio di due anni, di Quota 100 per anticipare la pensio...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

L’articolo 4 della delega al Governo per la revisione del sistema fiscale prevede, tra l’altro,...

Oggi sulla stampa