Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Utili doppi per Unicredit, sì della Borsa

di Fabrizio Massaro

MILANO — Unicredit raddoppia gli utili nel primo semestre del 2011 a 1,32 miliardi (+97,5%) grazie alla diversificazione geografica del gruppo, e nonostante l’impatto negativo della Grecia per 135 milioni. Alla pubblicazione dei dati il titolo, indebolito da settimane per gli attacchi speculativi all’Italia, si è infiammato fino a un +6%per poi chiudere in rialzo del 1,78%a 1,14 euro. Se si considera il solo secondo trimestre l’utile è stato di 511 milioni, -37%sul periodo gennaio marzo per l’incidenza delle tassazioni, dei minori ricavi da trading e delle svalutazioni sui titoli greci (pari al 25%del loro valore nominale) ma è stato comunque superiore alle stime degli analisti, che si attendevano circa 471 milioni. Nonostante la Grecia e la crisi del debito sovrano che sta colpendo l’Italia, l’amministratore delegato Federico Ghizzoni ritiene «raggiungibili» i 2,6 miliardi di utili stimati dagli analisti per fine anno, «ma è molto difficile fare previsioni serie con una volatilità così alta» . Ghizzoni, affiancato dai due vice Roberto Nicastro e Paolo Fiorentino, ha voluto lanciare un segnale di ottimismo sull’Italia: «Non credo nel default tecnico. Nonostante tutti i problemi siamo un Paese ricco» . Peraltro i bond italiani andranno a scadenza in media fra sette anni, dunque lo Stato non si troverà a breve con una montagna di debiti da ripagare. Di conseguenza, anche se i tassi dovessero toccare il 7%(oggi sono attorno al 6%) «non credo che rimarremo a quei livelli per lungo tempo. È eccessivo» . Peraltro le aste «fino ad oggi sono andate bene e non c’è stata alcuna richiesta dalle banche italiane di sostenere il Tesoro, per lo meno non specifica, e neanche me l’aspetto nell’immediato: sarebbe un messaggio negativo e controproducente per il mercato» . L’esposizione di Piazza Cordusio verso l’Italia è di 40 miliardi, pari al 5%dell’attivo, uno dei livelli più bassi nel settore bancario. Verso la Grecia invece l’esposizione è di 535 milioni. Per contenere la crisi servirebbero comunque «più coesione politica» e un «anticipo» della manovra nonché «misure per tornare a parlare di crescita» . Circa i conti semestrali, il margine di intermediazione è salito a 13,4 miliardi (+1,6%) con rettifiche sui crediti calate a 2,7 miliardi(23,4%) grazie ad attivi in miglioramento in Germania e in Austria, e stabili in Italia. Crescono invece a 405 milioni (da 161 milioni) gli accantonamenti per oneri legali, fra i quali diverse cause per il crac Madoff. Il patrimonio di base (core tier 1) dell’istituto è migliorato a 9,12%, considerato «buono» in relazione alle regole di Basilea3 sulle banche sistemiche. Ad ogni modo entro l’anno con il nuovo piano industriale ci saranno «misure di capital management» , ha annunciato Ghizzoni senza riferimenti a un eventuale aumento di capitale. «Con gli azionisti non abbiamo alcun problema. Parliamo sempre con loro, accetteranno il piano» . Tutto fermo invece su Mediobanca: «Non si è ancora parlato del rinnovo del cda» .

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Sono sessantasei i fascicoli di polizze infortuni in favore dei dirigenti di cui si sono perse le tr...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Questo shock senza precedenti potrebbe causare qualche vittima tra le banche». Un Ignazio Visco i...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Non sarà possibile avere il Recovery Fund in funzione dal primo gennaio 2021 e anche il Bilancio ...

Oggi sulla stampa