Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Unione bancaria, Germania alla resa dei conti sulla riforma

Il sistema bancario europeo, e in particolare quello tedesco, sta perdendo colpi rispetto all’agguerrita concorrenza delle grandi banche americane e in prospettiva arrancherà quando dovrà fronteggiare i colossi cinesi. Con l’aggravante che Brexit priverà la Ue del suo più grande centro finanziario quando ancora non c’è la Capital Market Union, l’M&A bancario transfrontaliero è fermo, la redditività delle banche è, salvo rare eccezioni, bassa e il severo rallentamento della crescita economica non lascia ben sperare. Completare, e alla svelta,l’Unione bancaria e del mercato dei capitali è dunque una strada obbligata per rafforzare la stabilità finanziaria e rendere più competitive le banche europee: a questa conclusione è giunta infine ora la Germania. La cancelliera Angela Merkel in conferenza stampa a Roma, e prima di lei il ministro delle Finanze Olaf Scholz con un non-paper hanno aperto al dialogo, hanno fatto un passo in avanti per rimettere in agenda il completamento dell’Unione bancaria. La Germania è pronta al dialogo con i partner europei per trovare un accordo su garanzia unica sui depositi, sistema più efficiente ed efficace della risoluzione, armonizzazione delle leggi di liquidazione e altro ancora. Ma questa apertura di Berlino, non più insperata, racchiude tuttavia nuove fragilità e vecchie rigidità.

L’ambiguità della “nuova” posizione della Germania sull’Unione bancaria è data dal contesto politico tedesco in piena turbolenza. Angela Merkel, secondo fonti bene informate, non avrebbe discusso di Unione bancaria all’incontro bilaterale con il premier Giuseppe Conte: questo potrebbe dipendere dal fatto che, come lei stessa ha detto in conferenza stampa rispondendo a una domanda, la posizione del Governo federale sull’Unione bancaria non è ancora stata scritta. Di scritto per ora c’è solo un non-paper di otto pagine del ministro delle Finanze socialdemocratico Scholz, corredato di un intervento sul Financial Times. È difficile che questo documento espressione del partito più a sinistra della Grande Coalizione, ostico se non inaccettabile per l’Italia – perché contiene la ponderazione del rischio sovrano, che non sarebbe più totalmente risk free, con aumento dei requisiti di capitale prudenziale – possa essere ammorbidito nella sua versione “federale”. Sarebbe già un’enorme vittoria di Angela Merkel se uscisse intatto dal vaglio di Cdu e Csu.

Tanto la cancelliera quanto il ministro socialdemocratico sono politicamente molto deboli in questo momento: e la GroKo dei tre partiti in crisi Cdu-Csu e Spd è più facile che indugi piuttosto che scattare a razzo. Una rabbiosa rivolta interna nella Cdu, che ha il peggiore consenso elettorale dal Dopoguerra, è capitanata in questo momento da correnti di destra contro la cancelliera e contro l’attuale leader Annegret Kramp-Karrenbauer, molto vicina alla Merkel. La cancelliera non ha più la presa di una volta su una Cdu che sta virando a destra. Scholz, che a breve potrebbe diventare leader del suo partito, è invece indebolito dal crollo del peso che l’Spd ha ora nella politica in Germania, surclassato nei sondaggi dai Verdi e affiancato da Afd.

La Merkel ha riconosciuto pubblicamente in conferenza stampa «i passi immensi» fatti dalle banche italiane nella riduzione dei Npl e questa presa d’atto, assieme al non paper di Scholz, è un passo importante per rilanciare con vigore l’agenda sul completamento dell’Unione bancaria. Ma è difficile immaginare che la Germania sia pronta a rinunciare a qualsiasi forma di riduzione dell’esposizione al rischio sovrano, sua vecchia rigidità. Ed è tutto da provarsi che, in cambio di un ritocco anche minimo o soft dell’attuale stato risk free senza tetto di concentrazione dei titoli di Stato nei bilanci delle banche, la Germania sia disposta ad aprire sui “safe assets”, uno strumento che non è stato menzionato dal non-paper di Scholz e sul quale Italia e Spagna sono tornate a puntare con vigore, proprio in risposta alla mezza apertura della Germania.

Il titolo di Stato europeo, che può prendere le forme più diverse e che se creato attraverso una cartolarizzazione può addirittura evitare la condivisione dei rischi, è un tabù per i tedeschi. Guntram Wolff, direttore dell’influente think tank europeo Bruegel, commenta: «Il dibattito sui safe assets resta una linea rossa per la Germania. Il paper di Scholz rappresenta nell’insieme sicuramente un ammorbidimento della posizione tedesca e il dibattito sull’Unione bancaria si sta comunque lentamente muovendo in Germania. Tanto che il riferimento all’esposizione sul rischio sovrano è formulato in maniera relativamente cauta». L’importante è che l’agenda sull’Unione bancaria torni sul tavolo europeo al prossimo Ecofin-Eurogruppo del 4-5 dicembre e poi fors’anche all’Euro Summit del 12-13 dicembre: ma questa strada, per quanto obbligata, resta in salita.

Isabella Bufacchi

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non ha tempi, non ha luoghi, non ha obbligo di reperibilità: è lo smart working di ultima generazi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Sono entusiasta di essere stato nominato ad di Unicredit, un’istituzione veramente paneuropea e ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il primo annuncio è arrivato all’ora di pranzo, quando John Elkann ha rivelato che la Ferrari pre...

Oggi sulla stampa