Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Unieuro, ricavi cresciuti del 7%

Risultati e cassa netta in forte crescita nei primi nove mesi dell’esercizio 2020-2021 per Unieuro, nonostante l’emergenza Covid-19. Il consiglio di amministrazione di Unieuro spa, leader nella distribuzione di elettronica di consumo ed elettrodomestici in Italia, presieduto da Stefano Meloni, ha esaminato e approvato il rendiconto intermedio di gestione al 30 novembre 2020.

Unieuro ha chiuso i primi nove mesi dell’esercizio 2020 con un nuovo record di ricavi, cresciuti di oltre il 7% a 1,89 miliardi di euro su base unicamente organica e grazie al contributo positivo di tutte le categorie merceologiche.

La crescita dei volumi di vendita a partire dal mese di maggio, il boom dell’e-commerce e l’efficacia delle azioni adottate dal management per fronteggiare l’emergenza Covid-19 hanno consentito alla società di compensare gli effetti che le misure restrittive adottate dalle autorità hanno prodotto nel corso del primo e del terzo trimestre.

La redditività si è assestata su livelli record, con un Ebit adjusted pressoché raddoppiato a 63,6 milioni e un risultato netto adjusted in aumento del 157% a 49,6 milioni dai 19,3 milioni dei primi nove mesi 2019/20, anche grazie ai benefici non ripetibili delle azioni adottate per fronteggiare l’epidemia.

In forte crescita la cassa netta, attestatasi a fine novembre a 152,4 milioni di euro rispetto ai 29,6 milioni di fine febbraio, frutto di un adjusted free cash flow pari a 125,6 milioni (erano stati 57,3 i milioni generati nei primi nove mesi 2019/20).

«Un eccellente terzo trimestre», ha affermato Giancarlo Nicosanti Monterastelli, amministratore delegato di Unieuro, «favorito da trend di consumo robusti di cui ha beneficiato anche il mese di dicembre, ci avvicina alla chiusura di un esercizio tanto complesso e volatile quanto positivo. Pur con circa la metà della rete diretta tutt’ora inattiva nei giorni festivi e prefestivi, abbiamo saputo cogliere le potenzialità distintive della nostra doppia presenza sul web e di una rete di affiliati efficace e in espansione, adottando le decisioni più opportune con un timing adeguato. Di tutto ciò andiamo fieri e contiamo di coglierne ulteriori benefici sotto il profilo concorrenziale e strategico anche nell’immediato futuro».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Fininvest esce da Mediobanca dopo 13 anni, e con l’aiuto di Unicredit vende il suo 2% ai blocchi: ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Una nuova tassa sulle multinazionali, quelle digitali e anche quelle tradizionali. Pagamento delle i...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La prossima settimana il Consiglio dei ministri varerà due decreti. In uno ci saranno la governance...

Oggi sulla stampa