Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

UniCredit vara il nuovo riassetto

Avrà una testa più leggera e un corpo più libero di muoversi e adattarsi ai diversi contesti di mercato la nuova UniCredit che oggi dovrebbe trovare il via libera del consiglio di amministrazione convocato in mattinata a Milano.
Il riassetto organizzativo, su cui il ceo Federico Ghizzoni è al lavoro da mesi, è già stato esaminato dai comitati interni la settimana scorsa e poggia su tre pilastri: alleggerimento della struttura centrale, a cui continueranno a far capo soltanto alcune funzioni specifiche (i sistemi informativi, le risorse umane, la gestione del rischio e le grandi operazioni di investment banking), più autonomia alle aree in cui è suddivisa la banca con conseguente maggiore responsabilità per i manager rispetto a obiettivi e risultati, totale trasparenza sull’andamento dei diversi territori. Conseguenza (e non premessa) del riassetto è l’addio alle tre divisioni in cui si era articolata la banca poco meno di due anni fa, quando era stato varato il «bancone» targato Alessandro Profumo: da gennaio 2013, infatti, i rami famiglie e Pmi, corporate&investment banking e private, avranno un’organizzazione territoriale che farà capo direttamente al responsabile d’area. In particolare per quanto riguarda l’Italia (ma il riassetto vede coinvolti tutti i paesi in cui opera il gruppo) i sette responsabili d’area – attivi su Nord-Ovest, Lombardia, Nord-Est, Centro-Nord, Centro, Sud, Sicilia – saranno responsabili diretti di tutta l’attività commerciale della banca e non dovranno più confrontarsi con i coordinatori delle divisioni: è in questo modo che Ghizzoni, dopo aver goduto in prima persona di ampia autonomia quando era a capo dell’area Est Europa, punta a spostare sul territorio i centri decisionali della banca, che a livello centrale manterrà essenzialmente le attività di monitoraggio, coordinamento e infrastrutturazione (sistemi informativi e risorse umane) oltre ai dossier più rilevanti dell’investment banking. Obiettivo dell’operazione è quello di aumentare l’efficienza ma anche di contenere i costi. È qui che si misurerà il valore dei diversi country chairman (per l’Italia pare scontata la conferma di Gabriele Piccini), chiamati a costruire veri e propri piani industriali customerizzati per le proprie aree d’attività: con la nuova struttura, più trasparante, sarà immediato misurarne l’efficacia.
Domani all’ordine del giorno della riunione del board non è previsto soltanto il riassetto. Come tradizione, negli ultimi mesi, il ceo Federico Ghizzoni dovrebbe fare il punto anche sulla vicenza FonSai-Premafin, e offrirà una preview sui conti del secondo trimestre, in vista della semestrale che sarà al centro della prossima riunione, in calendario per il 3 agosto prossimo; in particolare sui conti, la settimana scorsa Ghizzoni – parlando con la stampa estera – si era detto «abbastanza fiducioso», soprattutto per la crescita dei depositi registrata nel periodo aprile-giugno. Tra i temi all’attenzione del cda, potrebbe spuntare anche l’ingresso del fondo Pamplona come secondo azionista del gruppo con il 5,01%, novità maturata a fine giugno che ha destato l’attenzione, e a volte la preoccupazione, di alcuni azionisti.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

La Bce si libera le mani per tenere i tassi ai minimi ancora a lungo, nella sfida decennale per cen...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Vivendi fa un passo indietro in Mediaset, e Fininvest uno in avanti nel capitale di Cologno monzese...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La riforma fiscale partirà con il taglio del cuneo, cioè la differenza tra il costo del lavoro e ...

Oggi sulla stampa