Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Unicredit, utili a quota 1,4 miliardi

Nel giorno dei conti gennaio-marzo chiusi con 1,4 miliardi di utili, +24,7%, oltre le attese del mercato e secondo trimestre di fila più alto degli ultimi dieci anni, l’amministratore delegato di Unicredit, Jean Pierre Mustier, difende la scelta a sorpresa di cedere gran parte della quota di Fineco. «La plusvalenza fatta vale 17 anni di dividendi. E questa non sarebbe una ragione sufficiente? Quanto raccolto servirà a sostenere l’economia reale, soprattutto italiana, quindi questo è un bene per l’Italia, per Fineco e per Unicredit». C’è un altro 18% ancora in portafoglio ma sull’eventuale cessione la banca deciderà «senza pressione».

La mossa su Fineco è stata un anticipo della strategia che sarà delineata nel nuovo piano industriale in arrivo a dicembre. E che in Italia prevede di crescere organicamente, cioè senza acquisizioni. L’altra gamba della nuova strategia — «tutte condivise dal consiglio», ha sottolineato il presidente Fabrizio Saccomanni — è la riduzione graduale dei Btp in portafoglio (il gruppo ne ha per 54 miliardi su 113 miliardi totali investiti in bond sovrani), portandoli a scadenza. Proprio la massa di Btp in pancia è stata considerata dagli analisti uno degli ostacoli alla potenziale fusione con la tedesca Commerzbank. Ma Mustier ha tagliato corto: «Non commentiamo mai rumors e speculazioni, ma ritengo che le fusioni e in particolare le fusioni transfrontaliere siano molto difficili da realizzare».

Piano a dicembre

Nuovo piano industriale in arrivo a dicembre, in Italia crescita organica

Circa i conti — accolti dal mercato con una frenata del 2% circa — il balzo negli utili è legato anche alla chiusura della transazione con il governo Usa sulla multa per la violazione dell’embargo con l’Iran: il rilascio di parte degli accantonamenti, insieme con la cessione di attività immobiliari, ha dato una spinta all’utile netto. L’utile netto senza le componenti straordinarie è stato di 1,1 miliardi (+1,5%).

Il portafoglio

L’altra gamba della nuova strategia sarà la riduzione graduale dei Btp in portafoglio

Le esposizioni creditizie deteriorate lorde sono calate a 37,6 miliardi nel primo trimestre da 38,2 miliardi nel quarto trimestre 2018. Il rapporto tra crediti deteriorati lordi e totale crediti del gruppo è diminuito al 7,6%, con un «solido» tasso di copertura del 61,8%.

La banca ha confermato il target di rendimento (RoTe) del 9% per l’intero 2019, anche se vede in «rallentamento» l’attività economica nell’Eurozona «a causa della contrazione del commercio mondiale. Le tensioni protezionistiche, un rallentamento dell’economica cinese e l’incertezza legata alla Brexit hanno infatti penalizzato i flussi commerciali. La tenuta della domanda domestica sosterrà, comunque, una continuazione della fase di ripresa. Il livello dei tassi di interesse resterà basso e la liquidità ancora elevata». Un primo effetto si è visto sui ricavi del trimestre, pari a 5,0 miliardi, in calo del 3% su un anno fa ma in aumento del 2,1% sul trimestre precedente, «principalmente a causa del difficile scenario di mercato. Il target dei ricavi per l’intero anno «è confermato a 19,8 miliardi».

Fabrizio Massaro

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Ha scelto la giornata delle donne Mario Draghi per il suo secondo discorso pubblico da presidente de...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le obbligazioni assunte nell’esercizio dell’attività d’impresa o professionale, per «nozione...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora poco tempo a disposizione delle imprese per modificare il regime contabile in essere dal 2021...

Oggi sulla stampa