Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

UniCredit, rush finale sulle liste

È convocato per oggi alle 14 il consiglio di amministrazione di UniCredit. Una riunione di routine, una delle ultime per il board uscente, che non a caso guarda con particolare attenzione al rinnovo e alla lista di maggioranza che ne definirà i contorni, per la quale c’è tempo fino a venerdì prossimo.
L’indicazione dei nomi spetta agli azionisti e non al consiglio – che solo il 21 aprile prossimo, a deposito avvenuto, verificherà i profili dei candidati -, tuttavia è probabile che a margine della riunione di oggi se ne faccia cenno: anche perché, in linea di massima, si profila una conferma per buona parte di chi già ne fa parte: per il presidente, Giuseppe Vita, e il ceo Federico Ghizzoni, la presenza in lista è scontata, e altrettanto dovrebbe avvenire per gli attuali quattro vice presidenti, vale a dire Candido Fois, Fabrizio Palenzona, Luca Cordero di Montezemolo e Vincenzo Calandra Buonaura. Possibile che per tutti e quattro resti confermata la carica, nel caso in cui i vice presidenti dovessero ridursi a tre una rinuncia potrebbe essere chiesta a Calandra, in ogni caso la scelta definitiva spetterà al prossimo board e non si tratta di questione nodale, considerato che il ruolo non è esecutivo e che il peso dei soci storici abituati ad «allestire» il consiglio è sempre meno rilevante dentro all’azionariato di UniCredit; c’è da dire, comunque, che il fronte si sta ricompattando, e la presenza di Fondazione CariVerona tra i sostenitori lista di maggioranza è data per sempre più probabile.
Per il resto, oggi sul tavolo del board dovrebbero finire la relazione della Vigilanza sull’ultima ispezione dedicata ai sistemi informativi e le ultime novità normative del settore. Infine, non è esclusa una informativa sul progetto di gestione condivisa di alcuni crediti in fase di ristrutturazione con Intesa Sanpaolo, Kkr e Alvarez&Marsal. A un anno dal primo memorandum of understanding, mancherebbero 5-6 settimane alla firma dell’accordo definitivo e al varo dei veicoli – ex articolo 107del Tub – chiamati ad assumere le esposizioni delle due banche (ed eventualmente di altre) e a fornire nuovo credito. Secondo quanto si apprende, sarebbe ormai stata definita la lista delle 10-12 aziende coinvolgibili, e al consiglio spetterebbe un avallo complessivo dei crediti in questione nonché dello schema: il Consiglio di Gestione di Intesa si sarebbe già espresso al riguardo, anche se l’ultima parola sull’inserimento delle singole aziende spetterà in una seconda fase ai comitati e alle strutture crediti.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Segnali contrastanti sul fronte Atlantia-Cdp. L’opinione prevalente è che la cordata coagulata in...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non si tratta solo di scegliere una nuova data a partire dalla quale si potrà di nuovo licenziare. ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La proroga del Temporary Framework europeo (il Quadro temporaneo sugli aiuti di Stato) consentirebbe...

Oggi sulla stampa