Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Unicredit, pressing dei soci per il ricambio dei vertici

Per Unicredit si profila un ricambio profondo nella prima linea di management, a cominciare dal ceo Federico Ghizzoni. Non è invece ancora chiaro se sarà avviato un aumento di capitale, nonostante la banca abbia il livello di patrimonio più basso tra i gruppi «sistemici» a livello globale (sifi), mentre è certo che andrà in qualche modo rinforzato: gli analisti stimano che servano fra i 5 e i 7 miliardi. Ghizzoni, che ha negato l’esigenza di un aumento, ha parlato di possibili cessioni di asset.

L’idea su cui i grandi soci — fondazioni, Aabar, fondi istituzionali — sarebbero allineati è di rimescolamento nel consiglio per dare una risposta forte al mercato. Anche la poltrona del presidente verrà coinvolta. Ma toccherà all’attuale numero uno, Giuseppe Vita, portare avanti la selezione dei nuovi vertici secondo i canali istituzionali, cioè con un cacciatore di teste e nell’ambito di consiglio e comitato governance, di cui fanno parte lo stesso Vita e i tre vicepresidenti Luca Cordero di Montezemolo, Vicenzo Calandra e Fabrizio Palenzona.

Secondo fonti vicine a uno dei soci maggiori «non ci sono ancora decisioni prese né arriveranno ad horas». Si vuole innanzitutto evitare che la partita «finisca in politica», anche se dopo i timori sulla banca legati al rischio (evitato grazie al fondo Atlante) di dover coprire per intero l’aumento di capitale della Popolare di Vicenza da 1,5 miliardi, l’attenzione su Unicredit è aumentata. «Il governo non c’entra, ha altre preoccupazioni», ha tagliato corto ieri Montezemolo.

Tra gli azionisti rilevanti non ci sarebbe invece consenso sui nomi. Ci sarebbe in calendario un comitato governance qualche giorno prima del cda ordinario del 9 giugno. Al summit dei grandi soci di lunedì scorso era presente, fra gli altri, Francesco Gaetano Caltagirone per cosiddetto «fronte dei privati» che comprende Leonardo Del Vecchio. C’era pure l’ex presidente della Fondazione Cariverona, Paolo Biasi, sebbene formalmente non avesse titolo visto che ricopre più alcun ruolo nell’ente guidato da Alessandro Mazzucco. Per Biasi si ipotizza un ingresso nel board. Fonti della fondazione ieri hanno precisato che Verona «continua a monitorare Unicredit da investitore finanziario». E c’era anche Lucrezia Reichlin, l’economista eletta nel board nella lista dei fondi, che sono maggioritari nel capitale di Unicredit.

Per Reichlin, già capo economista della Bce, si profilerebbe il ruolo di presidente. Centrale è la figura del ceo: si cerca un banchiere italiano, esterno al gruppo, con esperienza da capoazienda e ben conosciuto dagli investitori istituzionali. I profili non abbondano: in pole position viene dato Marco Morelli, capo italiano di Bofa Merrill Lynch, ma circolano anche i nomi di Victor Massiah (Ubi), Alberto Nagel (Mediobanca), Carlo Cimbri (UnipolSai), Jean-Pierre Mustier (ex Unicredit). La borsa, che pure ha punito il titolo con -40% in sei mesi, ieri è rimasta silente (+0,71%), mentre Moody’s ha confermato per Unicredit il rating Baa1 con outlook stabile.

Fabrizio Massaro

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il Consiglio di Telecom Italia dà mandato all’ad Luigi Gubitosi di presentare insieme a Cdp, Sog...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Mediobanca compra un premio su l mercato per contare di più in Generali, salire virtualmente al 17...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Mediobanca rompe gli indugi e sostiene la propria linea su Generali rafforzando temporaneamente la ...

Oggi sulla stampa