Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Unicredit lancia la banca mobile, Buddybank

Ci tiene a sottolineare la dimensione affettiva la nuova banca studiata appositamente per smartphone — Buddybank — controllata al cento per cento da Unicredit e che diventerà operativa in Italia a partire da gennaio del 2017. Buddy, termine familiare che in inglese significa amico, «è la persona che chiami quando non vuoi annoiarti e con la quale condividi le esperienze più divertenti» spiegano gli ideatori dell’iniziativa. Un progetto ambizioso, pensato e sviluppato da Angelo D’Alessandro, che ne è alla guida e che guarda oltre i confini dell’Italia.
La nuova banca «molecolare» di Unicredit ha l’obiettivo di entrare nella vita di tutti i giorni provvedendo a servizi e a piccoli pagamenti come la prenotazione e il saldo del conto al ristorante, gli spostamenti in taxi, la programmazione di un viaggio.
Da un punto di vista dell’offerta dei prodotti e servizi finanziari Buddybank provvederà alle necessità di base: il conto corrente, la carta di credito o debito, la possibilità di finanziare piccoli prestiti personali di ammontare fino a 25mila euro. La novità è che per rendere disponibili questi servizi la banca metterà a disposizione dei clienti un servizio di «concierge» come quello dei grandi alberghi, disponibile 24 ore al giorno e sette giorni su sette. Grazie a tecnologie innovative sviluppate internamente e in partnership con i migliori fornitori, il cliente sarà riconosciuto in pochi secondi dall’operatore senza dover premere tasti o rispondere a domande di sicurezza. Oltre ai servizi di base potrà fare trading e risparmiare con un obiettivo personalizzato. «Apriremo in Italia e, grazie alla natura molecolare della banca, adattabile alle esigenze dei diversi mercati, stiamo valutando aperture negli Stati Uniti, Europa e Africa», spiega D’Alessandro. L’investimento iniziale per il lancio della nuova banca è stato di 50 milioni di euro. La start up ha un obiettivo di un milione di clienti in Italia in cinque anni e il break-even è previsto al terzo anno con 300mila clienti.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

ROMA — Un’esigenza comune percorre l’Europa investita dalla seconda ondata del Covid-19. Mai c...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

ROMA — L’Italia è pronta ad alzare le difese, e si allinea con l’Unione europea, nei confront...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

MILANO — Nel giorno in cui il consiglio di Atlantia ha deliberato il percorso per uscire da Aspi, ...

Oggi sulla stampa