Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Unicredit, la difesa di Palenzona «Ho fatto l’interesse della banca»

È netta la difesa di Fabrizio Palenzona nel caso Bulgarella: il vicepresidente di Unicredit contesta alla radice l’intero impianto della procura antimafia di Firenze che lo ha indagato per associazione per delinquere, truffa e appropriazione indebita aggravati dal favoreggiamento alla mafia per aver presuntamente aiutato nelle trattative con la banca l’imprenditore trapanese trapiantato in Toscana Andrea Bulgarella, considerato dal Ros dei Carabinieri vicino al capo di Cosa Nostra Matteo Messina Denaro. Indagati anche i top manager della banca Massimiliano Fossati, chief risk officer del gruppo, e Alessandro Cataldo, capo del corporate Italia, nonché Roberto Mercuri, assistente personale di Palenzona presso Aeroporti di Roma (presieduta da Palenzona) ma operativo anche in Unicredit con badge e accesso agli uffici. I tre avrebbero tenuto riunioni sul salvataggio del gruppo Bulgarella esercitando pressioni sulle strutture intermedie della banca, in particolare Mercuri che operava come braccio destro del vicepresidente.
In 52 pagine di memoria presentata ieri al tribunale del Riesame di Firenze, che deciderà entro venerdì sui sequestri dello scorso 8 ottobre, l’avvocato di Palenzona, Massimo Dinoia, afferma che l’inchiesta «ruota attorno a un clamoroso travisamento della realtà», a cominciare dal fatto che la ristrutturazione del debito non è mai stata approvata. Citando l’audit interno di Unicredit disposto dopo l’esplosione dello scandalo, Dinoia sostiene che dalle delibere del comitato crediti del 23 aprile, del 16 giugno e del 1 luglio 2015 emerge che Unicredit ha riservato solo «sonore bocciature» al piano di risanamento del gruppo Bulgarella, esposto con Unicredit per circa 60 milioni. La banca aveva specificato che le procedure erano state corrette e specificato che Mercuri non ha mai partecipato a riunioni del comitato crediti.
L’interessamento di Mercuri a favore di Bulgarella ci sarebbe stato «non nell’interesse del debitore ma della banca», sostiene Dinoia. Reinterpretando le intercettazioni degli atti dei pm Angela Pietroiusti e Sandro Crini, scrive che dalle telefonate emerge che «Fossati riferisce di essere stato richiesto da “l’uomo grande” (per Dinoia è Mercuri) di occuparsi finalmente della pratica, che era in “ammollo” da sei anni, non certo per favorire qualcuno (“a me non me ne frega niente di come va a finire” — dice Mercuri, ndr ) ma solo per evitare contestazioni giudiziarie»: l’area Real Estate Sicilia di Unicredit avrebbe trascurato la posizione di Bulgarella facendo gonfiare gli interessi di mora tanto che secondo il parere chiesto da Unicredit a una società esterna, l’istituto rischiava fino a 8,4 milioni se Bulgarella avesse fatto causa.
Palenzona lamenta di essere stato intercettato per sette mesi e di avere avuto tutti i pc sequestrati e sostiene inoltre di non avere mai conosciuto Bulgarella. L’imprenditore a sua volta ha respinto le accuse rivendicando «di essere stato amico di Falcone». Ma è l’interventismo di Mercuri ad essere tra gli aspetti più controversi della vicenda: un serio problema reputazionale che ha messo Unicredit sotto i riflettori di Banca d’Italia, Bce e Consob e che il ceo Federico Ghizzoni vorrebbe risolvere a breve con la rimozione dei manager e una stretta sulla governance. Ieri sono proseguite consultazioni informali con il presidente Giuseppe Vita e alcuni membri del comitato governance come il vicepresidente Luca Cordero di Montezemolo.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Con una valutazione pari a tre volte i ricavi, ossia di 1,5 miliardi di euro, Cedacri sta per essere...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ecco uno squarcio sui ritardi del piano italiano per accedere ai 209 miliardi del Next Generation Eu...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Alla fine il governo ha deciso di sposare la linea del Comitato tecnico scientifico: scuole di ogni ...

Oggi sulla stampa