Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Unicredit, i soci prenotano i posti L’ipotesi Biasi e la conferma di Vita

Il taglio degli amministratori nel prossimo consiglio di Unicredit da 19 a 17 comporta che due consiglieri si facciano da parte: ma chi tra i grandi soci rinuncerà al posto? La discussione in Piazza Aulenti è appena cominciata: a giocarsi quel posto sono le Fondazioni, ma anche i soci esteri. La partita non è semplice, né lo è il lavoro del presidente Giuseppe Vita e del vice Vincenzo Calandra Bonaura, incaricati di sondare gli umori degli azionisti. 
In Unicredit le Fondazioni contano ormai solo per il 9%, mentre sono cresciuti i soci esteri. Primo azionista è Aabar, fondo sovrano di Abu Dhabi, con il 5,02%, seguito dal fondo Usa BlackRock al 4,66%. Il fronte degli enti è rappresentato da Cariverona al 3,46%, Crt al 2,5% e Carimonte al 2,1% mentre hanno quote minime le fondazioni Manodori, Sicilia e Cr Treviso. Ci sono poi Del Vecchio (3%) e Caltagirone (1%).
Nei giorni scorsi — compreso il comitato governance di martedì 13 in vista del consiglio del 20 gennaio sul budget 2015 — si è avviata un’analisi per individuare la strada migliore per accorpare i posti mantenendo al contempo le varie professionalità richieste dalla Banca d’Italia. «Il dialogo mi sembra molto costruttivo», riferisce uno dei protagonisti.
Sembra ormai certo che le fondazioni, che tre anni fa indicarono 7 consiglieri, rinunceranno a un posto. Ma non vogliono perderne un altro. Un passo indietro toccherebbe dunque agli stranieri (oggi sono 7 nel board, compresi i due in quota Aabar). C’è anche l’ipotesi di un taglio da 4 a 3 alle vicepresidenze, attualmente affidate a Fabrizio Palenzona (per Crt), al vicario Candido Fois (Cariverona), Calandra Bonaura (Carimonte) e Luca Cordero di Montezemolo (Aabar). Per Verona poi è possibile che si candidi Paolo Biasi, se lasciasse in anticipo la presidenza di Cariverona, in scadenza a novembre non rinnovabile.
Scontata la conferma del ceo Federico Ghizzoni, è aperto il tema del presidente. Gli italiani sono compatti per un secondo mandato a Vita. Ma Aabar avrebbe sollevato l’esigenza di una figura internazionale alla presidenza, che però sarebbe già soddisfatta da Vita: già tre anni fa fu scelto in quanto manager italiano con carriera di successo tutta in Germania. Toccherà a Montezemolo mediare tra arabi e italiani. In realtà ciò che interessa ai soci è che la banca abbia buona redditività e spinga sull’internazionalizzazione. L’11 febbraio il board approverà i conti 2014 da cui dipende il dividendo: Ghizzoni vuole centrare l’obiettivo di 2 miliardi di utile; la stima Ubs è di 2,1. Musica per gli azionisti.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Consulenza a distanza, digitalizzazione e strumenti innovativi per il finanziamento dell'impresa: so...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Atlantia si dice disponibile a riprendere le trattative con Cdp sulla cessione del controllo di Aspi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non solo fondi di venture capital. Dalle banche ai fondi pensione passando per quelli con focus indu...

Oggi sulla stampa