Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Unicredit, i soci libici vogliono di più

MILANO — La ricostruzione della Libia passa anche da Unicredit. Lo sa bene il nuovo presidente del fondo sovrano libico Lia, Mohsen Derregia, che da lunedì è in Italia per affrontare due temi spinosi: il sequestro dei beni del Libyan investment authority (Lia) disposti a marzo dalla Corte d’appello di Roma su richiesta della Corte internazionale dell’Aia perché considerati riconducibili alla famiglia Gheddafi, e il ruolo dei libici in Unicredit.
Se la prima questione, che pure riguarda pacchetti nella banca milanese, in Eni, Fiat, Finmeccanica, Juventus più beni immobili per oltre 1 miliardo di euro totali viene considerata un «malinteso che speriamo di superare nel più breve tempo possibile», ieri nella sua prima conferenza stampa in Italia da numero uno del fondo — è in carica da aprile — ha rivendicato il peso della Libia nella banca guidata da Federico Ghizzoni. «Abbiamo l’1,8% e l’altro azionista libico, la Banca centrale, più o meno il doppio», ha precisato. In totale è un 5,4% — più alto della stima del 4% fatta da Ghizzoni post aumento di capitale — che pone il governo di Tripoli direttamente al secondo posto nell’azionariato dietro un altro socio arabo: il fondo sovrano di Abu Dhabi, Aabar, con il 6,5%. Che insieme pesano praticamente quanto il fronte italiano delle fondazioni.
La guerra civile in Libia, il cambio di regime, e poi anche il congelamento della quota del Lia hanno fatto sì che Tripoli non riuscisse a incidere nella laboriosa trattativa tra i soci — fondazioni, privati, esteri — sul nuovo consiglio a 19 posti con Giuseppe Vita presidente, perdendo così la rappresentanza fino a quel momento affidata all’ex governatore Omar Farhat Bengdara. I soci degli Emirati invece sono riusciti a conquistare due posti nel board, a cominciare dal numero uno di Aabar, Khadem Al Qubaisi, che è anche vicepresidente. «Per noi Unicredit è un investimento strategico e di lungo periodo» che potrebbe anche essere incrementato. «Forse bisognerà aumentare i posti nel consiglio per accogliere azionisti con quote significative». Il Lia aveva il 2,5% circa prima dell’aumento di capitale: «Sfortunatamente la tempistica ha reso impossibile per la Libia prendere una decisione di sottoscrivere. All’epoca non c’era un board e il ministero delle Finanze aveva molti altri problemi da affrontare, come il finanziamento delle cure dei molti feriti di guerra e il tentativo di pagare i dipendenti pubblici». Ieri Derregia ha incontrato per la prima volta il direttore generale di Unicredit Paolo Fiorentino (erano assenti Ghizzoni e Vita): un incontro interlocutorio, di presentazione. Ci sarà tempo per affrontare i temi posti dai libici.
Intanto c’è da risolvere il sequestro dei beni: l’udienza è fissata per il 12 luglio. I legali Michael Bosco (Shearman & Sterling) e Fabrizio Petrucci (Carnelutti) hanno ribadito la tesi che i beni sequestrati sono del Lia, che è del governo di Tripoli e non della famiglia Gheddafi. Derregia ha incontrato martedì anche il comitato di sicurezza finanziaria del ministero dell’Economia «che appoggia la nostra richiesta».
L’Italia, con i suoi 1,1 miliardi, è solo relativa nel portafoglio totale del Lia, stimato oggi tra 50 e 60 miliardi di dollari. Comunque delle partecipazioni italiane non si vende niente, «non è il momento, anzi saremmo interessati ad altre opportunità di investimento». Derregia, per anni residente in Gran Bretagna dove insegnava all’Università di Nottingham come esperto di contabilità e finanza, sta verificando tutti gli investimenti del fondo, a cominciare da quelli in bond strutturati con Goldman Sachs e Société Générale. In totale abbiamo perso 1,75 miliardi di dollari, e 900 solo con Goldman, con cui stiamo discutendo per vedere se possiamo ottenere un rimborso».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L'acquisto della banca senese potrebbe permettere al gruppo milanese di ridurre la distanza dal lead...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Negli ultimi giorni l’attenzione dei commentatori politici è stata focalizzata sulle modalità di...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il governo Conte bis è entrato in crisi proprio quando alcuni dossier economici di capitale importa...

Oggi sulla stampa