Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

UniCredit, a febbraio il nome del prossimo ad

Prima l’ad, poi il board, quindi eventuali operazioni straordinarie. Compresa Mps. Passano i giorni e il mercato inizia a capire che, nonostante l’accavallarsi dei rumors coinciso con i giorni delle feste natalizie, resta remoto il rischio di un blitz su Mps. C’è troppa carne al fuoco su entrambi i fronti perché in pochi giorni possa materializzarsi un’operazione che la Borsa continua a vedere penalizzante per UniCredit, che non a caso ieri ha messo a segno un’altra seduta positiva: +0,9% il titolo a Piazza Affari, passo indietro per Mps (-0,6%) che vede allontanarsi almeno per ora la possibile ancora di salvataggio.

Anche perché, come rivelato ieri da Il Sole 24 Ore, i pochi soci stabili e italiani rimasti in UniCredit con quote significative sono più che perplessi dell’opzione Siena. Ci sono le Fondazioni CrTorino e CrVerona, ma a guidare il nocciolo duro è Leonardo Del Vecchio, freddo su nozze senesi e invece molto caldo sulla scelta del nuovo consigliere delegato e sulla composizione del nuovo consiglio, le due priorità del tandem composto dal presidente in pectore Pier Carlo Padoan e da quello in carica Cesare Bisoni. Oltre al ‘niet’ su Siena, Del Vecchio chiede un ceo di alto profilo tecnico e lontano dalla politica e un profondo rinnovo di tutto il consiglio: se si dovesse andare in un’altra direzione, Delfin con il suo 2% potrebbe non votare per la lista proposta dal consiglio uscente.

Uno smacco non da poco che in Piazza Gae Aulenti vogliono comprensibilmente evitare. E per questo preferiscono non bruciare le tappe. Mercoledì prossimo il cda farà il punto sul processo di selezione del nuovo ceo, preceduto da un comitato nomine. I primi contatti informali sono in corso ma i tempi per una stretta non sarebbero ancora maturi: gli sforzi sono tesi a individuare il nome del nuovo consigliere delegato nel cda del 10 febbraio, quando verranno approvati anche i conti 2020. Non è escluso che in quella stessa riunione possa essere varata l’intera lista di maggioranza, visto che comunque andrà depositata di lì a quattro settimane considerato che l’assemblea di rinnovo è in agenda per il 15 aprile. Sicuramente andrà potenziata la pattuglia di consigliere, attualmente sotto i requisiti dopo l’uscita di Elena Zambon.

Tra i nomi che circolano in queste ore figurano quelli di Flavio Valeri, Andrea Orcel, Fabio Gallia, Marco Morelli e Marina Natale, ma nella shortlist finale sarà compresa anche una candidatura interna e non di facciata, secondo quanto trapela da più fonti. In questo caso si fanno i nomi di Carlo Vivaldi, co-chief operating officer, Francesco Giordano, co-ceo del Commercial Banking Western Europe e Niccolò Ubertalli, ce-ceo Commercial Banking Eastern Europe.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un bagaglio di nove miliardi di euro da investire ma, allo stesso tempo, la volontà di recidere og...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

L’inflazione in Italia, questo novembre, è arrivata a livelli come non si vedevano dal 2008. Gli...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Finanziamenti tradizionali, bond, private debt, quotazione in Borsa, ingresso di investitori finanz...

Oggi sulla stampa