Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Unicredit, Cariverona aderisce all’aumento

Dopo la Fondazione Crt, ieri anche la Fondazione Cariverona ha deciso che sosterrà il maxi aumento di capitale da 13 miliardi di Unicredit. L’ente scaligero, che ha il 2,2% dell’istituto di piazza Gae Aulenti, ha riunito ieri il consiglio d’amministrazione e il consiglio generale per valutare come procedere e la decisione è stata quella di sostenere l’aumento ma non per l’intera quota, bensì per il 73%, che comporterà un esborso di 211,6 milioni di euro. In una nota l’ente ha spiegato che «il nuovo investimento è stato valutato e deciso nell’ambito dei criteri che guidano la gestione del patrimonio della Fondazione: nell’aspettativa di una progressiva rivalutazione del titolo sul mercato e del ritorno di una remunerazione adeguata». Al termine dell’aumento la Fondazione Cariverona scenderà all’1,8% di Unicredit. Crt, invece, che ha il 2,3% del capitale, mercoledì ha deliberato la sottoscrizione integrale con un impegno di 300 milioni. L’aumento partirà lunedì per chiudersi il 10 marzo e le nuove azioni saranno emesse al prezzo di 8,09 euro, con uno sconto del 38% sul «Terp», il prezzo teorico dell’azione dopo lo stacco del diritto d’opzione, e potranno essere sottoscritte nel rapporto di 13 nuove azioni ogni 5 possedute.

Ieri i vertici dell’istituto sono stati in audizione alla commissione Finanze della Camera per illustrare la situazione della banca alla vigilia del maxi aumento. «Abbiamo circa 50 miliardi di Btp, il nostro trend è stabile — ha detto il direttore generale, Gianni Franco Papa —, è un trend che non vede né crescite né diminuzioni». Papa ha affrontato anche il tema delle sofferenze, cogliendo l’occasione per sollecitare un provvedimento che velocizzi i tempi per il recupero dei crediti. «Tutto il sistema bancario, non solo Unicredit, ha problemi con gli stock di Npl, c’è un problema temporale di possibilità delle banche di recuperare collaterali a fronte di prestiti ”non performing”, mediamente in Italia siamo sui 7 anni per recuperare un credito, in Europa la media è fra 18-24 mesi». E questo crea «difficoltà nel cedere Npl sul mercato e mediamente per ogni anno in più di tempistiche nel recupero crediti, il valore degli Npl è del 10% inferiore».

Federico De Rosa

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Ai tempi delle grandi manifestazioni contro la stretta cinese, le file degli studenti di Hong Kong a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

L’ingresso nel tempio della finanza tradizionale pompa benzina nel motore del Bitcoin. Lo sbarco s...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

L’Internet super-veloce e la fibra ottica sono un diritto fondamentale, costituzionale, che va ass...

Oggi sulla stampa