Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

UniCredit, bond da 1,25 miliardi

UniCredit lancia il primo bond senior preferred richiamabile nell’ultimo anno, strumento che rientra nella categoria Mrel (Minimum Requirement and Eligible Liabilities) per fungere da cuscinetto in caso di crisi, aumentando la capacità di assorbimento delle perdite della banca. La banca italiana è la prima in Europa a lanciare questo strumento, collocato ieri per un ammontare di 1,25 miliardi di euro raccogliendo una richiesta di quasi 4,3 miliardi dal 300 investitori istituzionali. Il bond ha una scadenza di sei anni con una call al quinto anno ovvero da quando decadrà la possibilità di contabilizzare il titolo secondo i principi regolamentari Mrel. La cedola è stata fissata all’1,25% nei primi cinque anni con uno spread finale di 155 punti base sul tasso midswap con una riduzione di 30/35 punti base dall’iniziale 185/190 bps. Se al quinto anno la call non dovesse essere esercitata, la cedola per il periodo successivo fino alla scadenza sarà pari al tasso euribor a 3 mesi più lo spread iniziale di 155 punti base. UniCredit era assente da questo comparto dei titoli senior preferred dal 2016 fino a questo momento quando la nuova regolamentazione ha reso più conveniente utilizzare questo strumento anche a fini regolamentari e non solo di funding. Il prestito è stato distribuito a diverse categorie di investitori istituzionali, quali fondi (77%), banche e banche private (14%), compagnie assicurative (4%) e istituzioni ufficiali (4%). La domanda proveniva in prevalenza dalla Francia (24%), Regno Unito (24%), Germania e Austria (11%) e Italia (10 per cento).

UniCredit Bank AG ha operato come lead manager mentre ABN AMRO, Barclays, BBVA, Commerzbank e Natixis sono stati joint lead .

Negli ultimi giorni altri due emittenti bancari si sono affacciati sul mercato del debito: Banco BPM ha collocato un bond senior preferred senza call per 500 milioni di euro questa volta con una cedola al 2,5% e un rendimento pari a midswap 280 punti base, mentre UBI per lo stesso ammontare ha piazzato titolo un titolo non preferred con una cedola al 2,625% e uno spread da 290 punti base sul tasso midswap. Entrambi i titoli hanno una scadenza di 5 anni.

Mara Monti

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Le banche sono di fronte a una scelta obbligata: fare dell'evoluzione tecnologica la chiave per conq...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il concordato con continuità aziendale (articolo 186-bis della legge fallimentare) guadagna spazio ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il credito del professionista incaricato di redigere l'attestazione richiesta dalla legge fallimenta...

Oggi sulla stampa