Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Unicredit batte le attese

Profitti trimestrali in forte calo ma sopra le attese per Unicredit. L’utile netto fra aprile e giugno è sceso del 77,4% su base annua a 420 milioni di euro rispetto al consenso degli analisti fissato a 347 mln. Il semestre si è chiuso con una perdita di 2,28 miliardi.

Nel secondo trimestre l’utile netto sottostante è ammontato a 500 milioni, dimezzato su base annua, con tutte le divisioni tornate alla redditività tranne Commercial banking Austria. Per l’intero 2021 è confermato un utile netto sottostante compreso fra 3 e 3,5 miliardi e un rote sottostante del 6-7%. C’è stata una ripresa dell’attività commerciale e l’a.d. Jean Pierre Mustier si è nuovamente chiamato fuori dall’attività di m&a, confermando la politica dei dividendi («Siamo fiduciosi che la Bce toglierà il divieto di pagarli l’anno prossimo») e l’aggiornamento del piano 2023 nel primo trimestre 2021.

Sempre tra aprile e giugno i ricavi sono stati pari a 4,2 miliardi, in calo del 4,8% rispetti ai tre mesi precedenti e del 7,7% su base annua. Nei mercati core il lockdown, per la maggior parte del trimestre, ha causato una diminuzione delle commissioni commerciali. Il margine di interesse si è attestato a 2,4 miliardi (+4% su base trimestrale) e le commissioni sono diminuite dell’11,8% su base annua a 1,4 miliardi. Le commissioni su investimenti sono state pari a 487 milioni (-16,8%), con una ripresa verso la fine del trimestre, spinta dalla robusta performance di Commercial banking Italy. I proventi da attività di negoziazione sono più che raddoppiati a livello trimestrale a 357 milioni. I costi operativi sono calati del 2% su base trimestrale e dello 0,2% su base annua. Il Cet1 fully loaded si è posizionato al 13,85% e il rapporto fra crediti deteriorati lordi e totale crediti lordi è migliorato al 4,8%.

La politica di distribuzione del capitale sarà reintrodotta a partire dal 2021 per l’intero 2020. Metà dell’utile netto sottostante sarà distribuita agli azionisti, con l’impegno a restituire gradualmente il capitale in eccesso sopra la parte alta del target di 200-250 punti base del Cet1 Mda buffer.

«Grazie alla positiva attuazione di Transform 2019 abbiamo una robusta posizione di liquidità e un capitale molto solido», ha sottolineato Mustier. «Questa posizione ci ha consentito di continuare a supportare i nostri clienti e le comunità in tutta Europa durante questo contesto sfidante. Unicredit è impegnata a essere parte della soluzione e per tutto il secondo trimestre abbiamo operato in stretta collaborazione con i governi di tutti i paesi in cui siamo presenti per fornire prestiti garantiti e offrire moratorie per un totale di oltre 41 miliardi. Abbiamo visto i primi segnali di ripresa commerciale alla fine del secondo trimestre, quando le economie hanno iniziato a riaprire nella maggior parte dei nostri mercati core».

Il numero uno di piazza Gae Aulenti si è quindi soffermato sull’opas Intesa-Ubi, osservando che «l’Italia avrebbe bisogno di banche forti. L’Antitrust ha chiesto il nostro parere e noi abbiamo detto che forse sarebbe stato meglio avere tre grandi banche forti piuttosto che due». In ogni caso, «la disruption del mercato portata da questa operazione può rappresentare un’opportunità».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

ROMA — Un’esigenza comune percorre l’Europa investita dalla seconda ondata del Covid-19. Mai c...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

ROMA — L’Italia è pronta ad alzare le difese, e si allinea con l’Unione europea, nei confront...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

MILANO — Nel giorno in cui il consiglio di Atlantia ha deliberato il percorso per uscire da Aspi, ...

Oggi sulla stampa