Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

UniCredit azzera i rischi sui crediti

Un bilancio di «svolta», avevano lasciato intendere nei giorni scorsi da UniCredit. E così è stato: il gruppo guidato da Federico Ghizzoni ieri ha annunciato che il 2013 si è chiuso in rosso per quasi 14 miliardi, dopo un’ondata staordinaria di svalutazioni e rettifiche che di fatto rappresentano la base per un piano industriale al 2018 ispirato al principio della redditività «sostenibile». Per i soci, chiamati in assemblea il 13 maggio, UniCredit proporrà all’assemblea di maggio uno script dividend di 0,1 euro (superiore ai 9 centesimi del 2018): lo strumento, approvato l’anno scorso in assemblea, garantirà maggiori vantaggi, di natura fiscale,per chi opterà per l’erogazione della cedola in azioni, ma sarà possibile ottenere anche un versamento in contanti. Esclusa, invece, la remunerazione dei cashes.
Piazza affari ha reagito più che bene (il titolo UniCredit ieri ha chiuso a +6,2%), un po’ perché ha visto scampato il pericolo dell’aumento di capitale, opzione a quanto pare mai concretamente sul tavolo, un po’ perché nel piano industriale si parla di ritorno immediato all’utile (2,9 miliardi a fine 2014, 7,5 nel 2018) e di massima concentrazione sul fronte dei costi, a partire dal taglio di 500 filiali al 2018 fino alla riduzione di 8.500 dipendenti di cui 5.700 nel nostro Paese, un elemento che – cinicamente – trova spesso un riscontro positivo sul mercato ma che al contrario ha destato l’immediata reazione dei sindacati, con un coro di “no” che si è levato da tutte le principali sigle. «I numeri dichiarati non rappresentano il presupposto per una trattativa seria, improntata a un dialogo costruttivo tra le parti, né fanno pensare a un rilancio dell’azienda», ha dichiarato Mauro Morelli, Segretario nazionale della Fabi.
I conti del 2013
Punto di partenza, si diceva, sono i conti del 2013 insieme ai segnali di ripresa che arrivano ormai anche dall’Italia (si veda l’intervista nella pagina a fianco). Così, se a fine settembre il gruppo aveva messo da parte quasi un miliardo di utili, a fine anno invece segna perdite per 14 miliardi, frutto di a svalutazioni su avviamenti per 9,3 miliardi e accantonamenti su crediti per 13,7 miliardi (di cui 7,2 straordinari). Una vera e propria cura da cavallo, che non intacca in modo significativo i ratio patrimoniali (è al 9,4% il Common equity tier 1 anticipando pienamente gli effetti di Basilea 3) e al termine della quale tuttavia il rapporto di copertura dei crediti deteriorati del gruppo va al 52%, tornando a valori pre-crisi, di gran lunga «il più elevato in Italia e tra i migliori in Europa», come sottolinea il gruppo.
Il piano al 2018
Considerato che l’Italia resta il mercato più faticoso per UniCredit, in questo dato, in fondo, c’è la base del nuovo piano quinquennale, basato – come anticipato da Il Sole 24 Ore nei giorni scorsi – su tre pilastri: il rilancio del retail attraverso il riassetto della rete e la multicanalità, il credito alle imprese, la gestione dei crediti problematici. Su quest’ultimo versante, una novità di rilievo: la creazione in Italia di una non core division dove 87 miliardi di bad loans (il 33% però ancora in bonis) saranno affidati alle cure di 1.100 funzionari specializzati, smaltirne il 63% entro fine 2018, attraverso il recupero delle posizioni migliori e la cessione di portafogli deteriorati. In cantiere, però, c’è anche la quotazione di Fineco, l’internet bank del gruppo. Al riguardo, Ghizzoni si è limitato a dire che sul mercato «tra giugno e luglio» finirà una quota di minoranza; se per Uccmb si va verso la cessione, il ceo ha fatto intendere che anche altri asset potrebbero essere oggetto di valorizzazione, e qui i “sospetti” si concentrano in particolare su Pioneer.
Il credito alle imprese
Capitolo a parte, il credito. «Se gli accantonamenti sui crediti portano il cash covered ratio al 52%, in linea con i principali istituti europei, le basi dell’istituto sono solide e dovrebbero consentire un’offerta di credito in linea con le richieste dell’economia reale in Italia e in Europa», ha detto ieri il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, e in effetti scorrendo il piano del gruppo a emergere è un trend chiaramente al rialzo: di qui al 2018 si punta a una crescita media degli impieghi del 4,5%, per un ammontare complessivo vicino agli 80 miliardi di nuovo credito. «Vogliamo crescere, sia in termini di volumi che di quote di mercato», assicura Ghizzoni parlando dell’Italia, aggiungendo che «i mutui stanno andando benissimo».
L’Ucraina e l’Est Europa
Notizie meno buone, invece, dall’Ucraina, dove UniCredit ha spesato nel quarto trimestre del 2013 oneri per 600 milioni, relative alla controllata Ukrsotsbank. Riclassificata tra le partecipazioni disponibili per la vendita, sulla banca, ha detto Ghizzoni, «le negoziazioni sono in corso». Anche se il manager non ha nascosto che, a causa della situazione geopolitica, il momento non è propizio: «Per il timing, il periodo non è facile».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Leonardo Del Vecchio stila la lista per il rinnovo del consiglio di amministrazione di Essilor Luxot...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Per capire la Ragioneria generale dello Stato bisogna aver visitato la sala di Via Venti Settembre d...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Riflettori puntati sulla cessione della quota (il 62,50%) di Banca Profilo, oggi all’interno del p...

Oggi sulla stampa