Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

UniCredit affianca le imprese del Sud

Sono 106 le imprese meridionali selezionate da Unicredit per il progetto “+Valore Sud”. Un percorso di affiancamento per favorire la crescita – attraverso strumenti finanziari e non solo – di imprese con potenzialità di sviluppo anche in direzione della conversione al modello di industria 4.0. E magari cogliendo le opportunità del decreto Sud.
Si tratta di un gruppo che fattura complessivamente più di quattro miliardi, avendo registrato una crescita anno su anno nel 2016 del 9%. Il 56% delle imprese selezionate da Unicredit (di cui 58 campane e 48 pugliesi) ha un volume di affari tra i 10 e i 50 milioni. Nel gruppo di “campioni” sono rappresentati tutti i comparti del tessuto meridionale con una prevalenza di aziende dell’agrifood (34%) e del fashion (13%), seguite da quelle della meccanica (8%), dei servizi (8%) e beni di consumo (8%).
Al gruppo di testa, inoltre, tra cui aziende del tipo di La Doria di Angri, Harmont & Blain (fashion) e Besana (frutta secca), Compagnia mercantile d’oltremare, Macfond, Sada, Icab, Magnaghi aereonautica, Fertilsud Srl, Cos.ma pack, Olearia Clemente, si affiancano numerose piccole imprese che si spera possano essere contaminate. E proprio con questo scopo, sulla basa di un’idea nata nell’ambito dell’Advisory Board Sud di UniCredit presieduto da Antonio Ferraioli, è stato varato il Programma “+Valore”, in forma sperimentale, per poi estenderlo a livello nazionale. «Intendiamo contribuire ad accrescere la cultura di impresa sui temi della digitalizzazione e dell’internazionalizzazione, oltre che condividere metodologie e best practices – spiega Elena Goitini, direttore regionale Sud di UniCredit –. Vogliamo supportare le imprese anche nell’esplorazione di altre fonti di finanziamento, come quotazione in borsa, emissione di Bond».
Il percorso di “+Valore” prevede 5 tappe che si terranno tra Napoli e Bari,in collaborazione con partner istituzionali (Università di Napoli Federico II, Politecnico di Bari, Suor Orsola Benincasa di Napoli e Città della Scienza). Le tappe si concretizzeranno in tavoli di confronto, case-study, seminari e raccolte dati sui principali temi della digital transformation. «Ci aspettiamo – chiarisce Goitini – che possano nascere filiere, scaturire piani di internazionalizzazione e alleanze tra realtà di diverse dimensioni ma con progetti comuni. E sopratutto speriamo che si diffonda la digitalizzazione in modo da colmare il divario esistente tra Mezzogiorno e altre aree del Paese e d’Europa».

Vera Viola

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Non sapevo che Caltagirone stesse comprando azioni Mediobanca. Ci conosciamo e stimiamo da tanto t...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Primo scatto in avanti del Recovery Plan italiano da 209 miliardi. Il gruppo di lavoro "incardinato"...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Cina ha superato per la prima volta gli investimenti in ricerca degli Stati Uniti. Pechino è vic...

Oggi sulla stampa