Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Una scadenza fiscale al giorno

Da qui a fine anno i professionisti hanno più di una scadenza al giorno. È l’allarme lanciato a margine di un corso di aggiornamento modulare sugli adempimenti e le novità fiscali del periodo, organizzato dall’Unione commercialisti ed esperti contabili (Ugrc) di Milano, alla presenza di circa 200 professionisti, stremati ed esasperati dalla eccessiva pesantezza e difficoltà operative che caratterizzano le incombenze di natura tributaria.

Sono state anzitutto evidenziate le reiterate e oggettivamente ingiustificabili violazioni dello Statuto del contribuente (legge n. 212/2000), che pone a carico dell’amministrazione finanziaria oneri ben precisi: normativa chiara e facilmente comprensibile, in prima istanza, e documenti di prassi tempestivi. E questo indipendentemente dal comunicato stampa che, molto opportunamente, rinvia al 31/01/2014 i termini di invio delle comunicazioni dei dati Iva (spesometro) dell’anno 2012 (si veda articolo a pag. 25).

Il quadro, nonostante tutto, rimane comunque complesso poiché, esaminando le criticità connesse alle varie scadenze che occuperanno i professionisti nell’ultima parte dell’anno, lo Statuto risulta ampiamente disatteso: disposizioni di legge complesse, provvedimenti attuativi «debordanti», assenza pressoché totale di prassi tale da dirimere i numerosi dubbi che rendono particolarmente complessa le comunicazioni. Oltretutto, in questo panorama non semplice, si innestano ulteriori scadenze che, evidentemente, non sono ritenute particolarmente significative ma che, invece, comportano dispendio di risorse non indifferenti: la prossima liquidazione Iva per i contribuenti mensili, la liquidazione periodica Iva, sempre per i trimestrali, le comunicazioni black list e Intra, i calcoli degli acconti (con l’aggravante, in molti casi, del ricalcolo per effetto di norme fiscali aventi effetto retroattivo), la comunicazione dei beni ai soci e dei finanziamenti. Anche tralasciando gli effetti negativi sulla vera attività di consulenza e di analisi, a favore delle imprese, che dovrebbe caratterizzare la professione, appare davvero eccessivamente ristretto il tempo per rispettare e correttamente assolvere i sempre crescenti obblighi imposti dall’amministrazione finanziaria.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non chiamatela più utility locale. Il gruppo A2a cerca il salto di categoria: da società dei servi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo la crisi, scatta la "riscrittura" del Recovery Plan da parte del Parlamento. Il documento di 16...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

A2A lancia il piano industriale al 2030 per riposizionare l’azienda, «passando dal mezzo al fine,...

Oggi sulla stampa